Servizi Cultura e spettacolo

Il martedì grasso: gli ultimi attimi del Carnevale di Venezia 2022

Il carnevale ha portato una boccata di ossigeno agli affari di albergatori ed esercenti a Venezia, e la città si prepara ad affrontare il martedì grasso con il meglio delle sue attrazioni: ossia la bellezza senza tempo dello spettacolo sul bacino dell'Arsenale, gli spettacoli teatrali, gli eventi della cultura a chiusura di un'edizione dal successo oltre ogni previsione

Gli artisti di strada saranno i protagonisti anche dell’ultimo giorno di Carnevale a Venezia. Ma il martedì grasso non lesinerà con spettacoli teatrali, un concerto alla Fenice e i musei rimarranno aperti con mostre dedicate. Un carnevale di grandi numeri grazie alle attrazioni ma soprattutto alla voglia che la pandemia non ha fermato. La voglia di tornare a vivere la magia di muoversi in maschera facendo un tuffo nei secoli.

Anche domenica si è superata la soglia delle 90 mila presenze come nello scorso fine settimana, di cui quasi la metà stranieri. I turisti, ossia, che i veneziani desiderano di più. Domani, martedì grasso, per tutto il giorno si concluderà nelle isole Pellestrina e Lido e in terraferma Venezia Wonder Time, ossia mercatini, trenini e spettacoli di circo e sfilate di maschere. Mentre in Arsenale andrà in scena Nebula Solaris, lo spettacolo di luci e acrobati del fuoco che ha registrato il tutto esaurito in questi giorni.

Le favole in teatro nel martedì grasso

Il teatro aprirà il sipario nella Scuola Grande di San Giovanni Evangelista con Eleonora Fuser che racconterà le favole di Gianbattista Basile. All’Ateneo Veneto con la compagnia Acquaalta verranno messe in scena le passioni, i vizi e le virtù chiave goldoniana. A Mestre, nel centro culturale Candiani, ci sarà spazio per le leggende e per le canzoni della Venezia dei 1600 anni. La sera, La Fenice, offre un concerto diretto dal maestro Francesco Lanzillotta.

Le feste private del Carnevale 2022

Non solo maschere in piazza ma anche feste private ispirate al Remember the future, la frase celebre di Salvador Dalì, titolo dell’edizione di quest’anno che ha ispirato la festa di Ca’ Vendramin Calergi e molte altre feste private. Il gioco surreale legato all’anonimato che soltanto una maschera può dare e a cui si sono lasciati andare molti ospiti però, si è fermato davanti ai controlli della Guardia di Finanza. I militari hanno riscontrato irregolarità fiscali in sette location e scoperto quattro lavoratori in nero. Le indagini tra i commercianti hanno invece portato al sequestro di 422 mila articoli di Carnevale non sicuri. Dodici i commercianti non in regola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock