Servizi Cultura e spettacolo

Marco Giovannelli: “Memorie di un antifascista”

Oggi Valentina Bobbo ci presenta libro che si intitola 'Memorie di un antifascista'. È stato scritto da Marco Giovannelli. Il protagonista di queste memorie è Carlo Giulio Giovannelli; un famoso antifascista pistoiese.

“Oggi l’argomento è effettivamente temerario; nel senso che stiamo per parlare di un argomento delicatissimo. E cioè l’antifascismo. In particolare l’antifascismo toscano. Questo libro si intitola ‘Memorie di un antifascista’. È stato scritto da Marco Giovannelli. Il protagonista di queste memorie è Carlo Giulio Giovannelli; un famoso antifascista pistoiese. In questo libro si racconta la vita, le memorie e le impressioni di un periodo storico difficilissimo di cui è stato protagonista come lotta sul campo. Parliamo per cui di un argomento interessante.”

Racconta anche delle esperienze personali?

“Racconta del processo a cui lui è stato condannato prima dell’avvento della guerra e del fascismo. Parla soprattutto di Silvano Fedi. Che è anche lui un famosissimo antifascista pistoiese con il quale Giovannelli è cresciuto sia dal punto di vista fisico sia dal punto di vista della filosofia antifascista. Parla del processo e della condanna; e del loro percorso di antifascisti. Tratta anche le luci e un po’ le ombre che ci sono state in questa resistenza. E scomoda tra l’altro diversi nomi noti; tra cui Licio Gelli. È passato dal fronte antifascista e con la liberazione è stato salvato e poi ce lo siamo ritrovato in anni più recenti con la Loggia P2. Un libro dunque che percorre un periodo storico interessantissimo soprattutto per gli amanti della storia del fascismo; che ha segnato profondamente il nostro paese. E di persone che hanno dato la loro vita per liberarci da una situazione molto grave.”

Hai parlato di luci e ombre. Lui parla anche dei partigiani. Lo sappiamo; i partigiani non sono tutti di estrema sinistra o di sinistra. I partigiani sono stati anche democristiani, anche delle persone di centro. Il famoso dibattito che emerge ogni volta che si celebra la Resistenza. Lui parla di questo?

“Parla anche di fascisti che sono passati dall’altra parte. Cambi di casacca più o meno convinti più o meno utili. Per cui il movimento a 360 gradi. Nel bene e nel male; nel senso che non parliamo di un movimento di santi ma di uomini.”

Anche perchè non era un tempo facile. È facile criticare a distanza di tanti anni ma non era facile essere antifascisti. ‘Memorie di un antifascista’ di Marco Giovannelli. Casa editrice ‘Tra le righe’.

“Lo consiglio perchè è un pezzo della nostra storia.”

Grazie Valentina Bobbo alla prossima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button