La Voce della Città Metropolitana

Marco Capovilla cambia la sua vita grazie al coronavirus

Lui è Marco Capovilla, fotografo e fondatore del gruppo Facebook Venezia pulita ed è l'autore delle immagini che hanno fatto il giro del mondo dei canali di Venezia limpidi e ricchi di pesciolini guizzanti degni di scenari caraibici. Da quelle foto sta nascendo una nuova professione.

Marco Capovilla cambia la sua vita grazie al coronavirus, l’uomo, rimasto a casa dal lavoro, ha colto l’occasione per cambiare vita. L’ospite, creatore del gruppo facebook “Venezia pulita”, è arrivato ultimamente alla ribalda per aver girato le immagini dei canali limpidi della città.

Marco Capovilla

L’ospite spiega che il gruppo facebook è nato dopo che, per caso, ha scoperta la dannosità di alcuni prodotti igienizzanti nell’acqua e nell’aria. Chiaramente in questo momento l’argomento è un po’ complesso, quindi difficile da affrontare. In generale quando puliamo spesso usiamo agenti chimici che non fanno bene né a noi né all’ambiente, e a volte non sono nemmeno così efficaci. La varichina è l’esempio di uno dei prodotti più dannosi presenti che sarebbe meglio evitare. In questo particolare momento, però, è comunque bene utilizzarla in modo da limitare il contagio del virus. Oltre a questo prodotto ce ne sono molti altri e anche alcuni “rimedi della nonna” spesso si dimostrano dannosi per gli oggetti e per la natura.

Coronavirus

Dopo queste scoperte e l’emergenza del virus, Marco Capovilla ha deciso di abbandonare il proprio lavoro come agente immobiliare, soprattutto per il turismo, e cambiare vita. Momentaneamente non è ancora sicuro sul lavoro che farà, ma è certo che desidera scrivere un libro in cui spiegherà delle sue scoperte e proporrà metodi alternativi. Infatti, ritiene che il cambiamento possa avvenire solo se tutti fanno la propria parte. Per quanto incerto si presenta il futuro, non sa ancora da dove verranno le sue entrate, lui è convinto della sua scelta. Inoltre a deciso che non farà contratti con nessuna azienda o enti affini per poter continuare ad esprimere liberamente il suo pensiero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close