250 milioni di euro. Tanto vale l’indotto creato dagli appassionati di auto storiche nel Veneto. Non si tratta soltanto di amore per l’evoluzione della meccanica, ma anche di cultura e di business nato nel ‘900 e che continua nel terzo millennio.

La mostra

E’ questo lo scenario in cui è nata la mostra allestita all’M9 e curata dalla Scuderia Serenissima. Rimarrà aperta fino a l’8 dicembre. Per la prima volta, e con non poche difficoltà, un museo ha accolto, grazie ad un montacarichi, in uno dei suoi piani, qualche decina di auto storiche

“E’ stata una sfida entusiasmante.” dice Pierangelo Scaffidi, presidente della scuderia. Presente all’inaugurazione, oltre al vice governatore Forcolin, anche il campione di rally Lucky Battistolli. Quest’ultimo ha riempito di parole lusinghiere la sua auto: la Ferrari 308 GT/B Valentino dell’81.

Le auto storiche

Tante le vetture in mostra. Due hanno gareggiato alla Mille Miglia, poi c’è una Fiat 8V Zagato,che ha partecipato alla Mille Miglia del ’55) una Fiat Berlinetta del ’36, una Iso Grifo A3C, una Lamborghini, una Ferrari 330 e una Dino Ferrari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here