Articoli di Cronaca

Ladri di biciclette: arrestati due giovani a Mirano

I ragazzi sono stati sorpresi in flagranza di reato mentre stavano rubando delle bici da una palazzina di Mirano. Avevano con sé tutto l'occorrente per forzare i basculanti dei box auto

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Mestre nella tarda serata di giovedì hanno tratto in arresto due ladri di biciclette: uno diciannovenne originario della Moldavia P.C., ed un minorenne M.A. classe 2003, intercettati subito dopo aver perpetrato il furto di due biciclette di cui una elettrica, da alcuni garages di una palazzina di Mirano.

Ladri di biciclette

I ladri sono stati colti nella flagranza di reato e fermati dalla pattuglia del Radiomobile intervenuta per la segnalazione di furto in atto, quando, dopo aver visitato la zona residenziale di via Mascagni, stavano allontanandosi con tre biciclette al seguito. Sottoposti a perquisizione dalle tasche dei due giovanissimi saltavano fuori guanti, torce e coltellini multiuso – molto probabilmente utilizzati per forzare le serrature dei basculanti.

Sopralluogo nei garages

Il sopralluogo nei garages della palazzina permetteva infatti di accertare che almeno quattro serrature erano state forzate; da quattro box erano sparite le biciclette, tutte poi recuperate. Insieme alle tre utilizzate dai ladruncoli per la fuga, c’erano infatti  altre due bici strategicamente appoggiate alla cancellata della palazzina, probabilmente in attesa del “secondo viaggio” per essere portate altrove.

Fondamentale quindi si è rivelata la prontezza di spirito della pattuglia dei Carabinieri del NORM – che stavano effettuando il monitoraggio del territorio in zona, nell’ambito del controllo del territorio effettuato con turni giornalieri senza soluzione di continuità – ed intervenuti immediatamente per “cinturare” la zona dopo che era stato segnalato il furto in atto.

L’arresto

I due giovani sono stati quindi portati in caserma per gli accertamenti di rito e, dopo perquisizione personale, trovati in possesso del materiale da scasso, tutto sequestrato, mentre il minore aveva con sé anche uno spinello di Marijuana, venendo così segnalato alla Prefettura quale assuntore. Ma i guai non finiscono qui, in considerazione degli elementi raccolti, infatti, i due venivano tratti in arresto per furto aggravato, e tradotti al carcere di Venezia ed a quello minorile di Treviso.

I servizi di contrasto allo specifico settore, così come, in generale, alle manifestazioni di illegalità, proseguiranno nei prossimi giorni in tutto il comprensorio, anche con specifici e mirati servizi coordinati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
X