Servizi Cultura e spettacolo

La nuova ondata di pittura veneziana al Vega di Marghera

Fino al 12 novembre l'arte contemporanea più giovane, quella di una 90ina di artisti usciti dall'Accademia di Belle Arti di Venezia, sarà visibile al Vega di Marghera, in uno spazio, il padiglione Antares, che è una vera e propria cattedrale della pittura

Sabato 23 ottobre è stato inaugurato la seconda edizione di “Extra Ordinario Workshop al Padiglione Antares, in  presenza degli artisti. Rappresenta un momento di condivisione e per raccontare come lo spazio si è trasformato in un luogo di vita, ma soprattutto racconta la nascita di nuova ondata di pittura veneziana.

Nuova ondata di pittura veneziana e di giovani artisti al Vega

Ad un primo sguardo colpisce la vastità dello spazio e la notevole dimensione delle opere. Se poi si cercano gli autori, il loro fattore caratterizzante è la giovane età.

Siamo al padiglione Antares, all’interno del parco scientifico tecnologico Vega di Marghera, dove si è appena concluso “Extra ordinario Workshop”. È una residenza sperimentale, promossa dall’agenzia creativa Vulcano e rivolta agli artisti del collettivo Extra, formatisi all’Accademia delle Belle Arti di Venezia. Ora, dopo mesi di lavoro, la produzione artistica è visibile al pubblico. Tra i curatori del progetto, il critico d’arte Daniele Capra.

Il commento del curatore e l’innovazione della pittura veneziana

Daniele Capra, critico d’arte e curatore del progetto: “La mostra conclusiva di ‘Extra ordinario Workshop’ raccoglie il lavoro svolto per oltre tre mesi da una novantina di artisti, appartenenti all’Atelier F.  La mostra finale è un allestimento per le opere realizzate durante questa fase di ricerca, in cui gli artisti si sono misurati confrontandosi tra di loro.È stato possibile anche grazie all’incontro tra collezionisti, curatori e con svariati seminari, che sono stati svolti negli spazi di Vulcano Agency. Si tratta di un progetto innovativo, in cui un’impresa collabora con una realtà elaborata all’interno dell’Accademia delle Belle Arti di Venezia.”

“Nuova scuola veneziana”

Con 90 artisti e oltre 200 opere, forse si può parlare di una nuova scuola veneziana. Una scuola non per affinità di stile, ma per la sua metodologia di ricerca.

“Inoltre, le 200 opere sono disposte a favore del visitatore, in un flusso ininterrotto di immagini,. Questo dovrebbe servire allo spettatore per entrare in contatto con la ricerca svolta dalla nuova scuola veneziana. Una scuola non basata sullo stile, bensì su una metodologia di ricerca. È basata sul costruire un rapporto con l’immagine, sul negoziare il lavoro dell’artista in maniera continua e un confronto con i colleghi e con tutte le realtà che permettono al loro lavoro di evolversi.”

Il progetto “Extra Ordinario Workshop” è nato nel 2020, grazie alla collaborazione tra Atelier F e Vulcano Agency, in risposta alle restrizioni dell’emergenza sanitaria. Successivamente, è diventata una storia di condivisione, un esempio concreto di una collaborazione tra realtà aziendale e quella del mondo dell’arte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button