Il brano “La compagnia dell’indie” è estremamente ironico e parla dell’incontro tra un cantautore e un rapper che, pur essendo molto diversi tra loro, si riscoprono come due volti della stessa medaglia. Infatti tra citazioni e sfottò, viene descritto lo scenario del panorama musicale indipendente di oggi, che offuscato da talent, sponsorizzazioni e Spotify sembra non avere vie d’uscita per nessuno.

La compagnia dell’indie

E’ proprio questa la “Compagnia dell’indie”. Un’irriverente fotografia, che riprende cavalli di battaglia, vecchi e nuovi, per smontare lo Star System musicale odierno, il tutto supportato da un sound fresco, dal sapore fortemente estivo.

Differenti sono le chiavi di lettura del brano, che in primis rappresenta una metafora della realtà quotidiana, dove per noi, distratti dai social e dalle paure, “non è il tempo per decidere” e spesso si vive di Playlist e stereotipi, dimenticando il senso della realtà.

La collaborazione artistica

L’insolita ed innovativa collaborazione artistica tra Marco Iantosca e Hot Ice nasce grazie all’incontro al “Trapani Pop Festival” del 2017, dove entrambi erano tra i 10 migliori artisti emergenti selezionati in tutt’Italia. Al festival siciliano infatti, pur provenendo da mondi ed esperienze profondamente diverse, decidono di unire le forze ed espandere i propri orizzonti musicali.

Sarà inizialmente “Controvento” ad ospitare Hot Ice e le sue barre, sia dal vivo che nella compilation del Trapani Pop. Successivamente il brano viene accompagnato anche da un videoclip girato a Dallas con la prestigiosa regia di Gugu E. Michaels. Dall’originalità e dalla freschezza della mescolanza tra i due generi e linguaggi musicali diversi, si sviluppa l’idea di scrivere ancora insieme e dar vita al progetto della “Compagnia dell’indie”.

Una collaborazione che non si limita a questo singolo estivo: “La compagnia dell’indie”, infatti, fa da apripista all’album “Tra social e realtà”, prossimo lavoro discografico di Marco Iantosca, in uscita a inizio 2020, in cui la collaborazione tra il cantautore irpino ed il rapper veneto Hot Ice sarà riproposta .

Ma tanti altri sono i musicisti coinvolti, attivamente e passivamente, nel singolo “La compagnia dell’indie”. Tra quelli “consapevoli” spiccano molte collaborazioni di prestigio: la batteria è suonata da Pasquale “Kandyman” Tomasetta, già batterista della rockband Malaparte, che con la sua esperienza è stato il perno di tutta la produzione; al basso, chitarre elettriche, tastiere ed arrangiamenti c’è Simone Vignola, cantautore e polistrumentista che recentemente ha impressionato anche a The Voice, nonché tra i migliori bassisti emergenti del panorama nazionale; ricordiamo inoltre che il singolo è stato registrato al “Sound Design” da Marco Ruggiero, che ha curato anche le tastiere, il missaggio e gli arrangiamenti, mentre il master è di Roberto Romano; ha collaborato anche Mario Barbati, autore ed arrangiatore che è stato di supporto in studio per tutta la durata delle registrazioni; infine lo stesso Marco Iantosca che, oltre ad essere autore e arrangiatore del brano, ha suonato anche le chitarre elettriche e quelle acustiche.

Gli artisti che invece sono stati coinvolti passivamente, sono tutti citati nel testo della “Compagnia dell’indie”, come ad esempio: Thegiornalisti, Maria De Filippi, Elio e le storie tese, Cor Veleno, Ligabue con la sua “Vivo o morto o X”, Fabrizio De Andrè, Roberto Vecchioni, Coez e tante altre citazioni più o meno famose.

Vedi Jesolo Live ogni giorno su Televenezia (canale 71) dal lunedì al venerdì alle ore 18:30 e il sabato e la domenica alle ore 20:15. Scrivici su jesololive@televenezia.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here