Radio Venezia Gossip

Johnny Depp non è stato diffamato dal tabloid Sun

Johnny Depp ha perso la causa per diffamazione contro il tabloid inglese The Sun, che in un titolo lo aveva definito «picchiatore di mogli».

Johnny Depp ha perso la causa per diffamazione intentata nel 2018 contro l’editore del tabloid britannico The Sun, il News Group Newspapers, e il suo caporedattore Dan Wootton, per la pubblicazione di un articolo che lo definiva un «picchiatore di mogli». In una sentenza emanata oggi, l’Alta Corte di giustizia di Londra ha respinto l’accusa dell’attore americano, sostenendo che la N.G.N. ha dimostrato che quanto contenuto nell’articolo è «sostanzialmente vero».

Johnny Depp definito «picchiatore di mogli» dal The Sun

La causa era basata su una storia pubblicata dal The Sun nel 2018, dal titolo: «Gone Potty: come può JK Rowling essere “sinceramente felice” del casting del picchiatore di mogli Johnny Depp nel nuovo film “Animali fantastici”?», in cui il quotidiano dettagliava le violenze subite dall’ex moglie della star, Amber Heard. Il processo iniziato a luglio era stato caratterizzato da accuse di violenza domestica da entrambe le parti, con rivelazioni sulla tempestosa relazione della coppia, tra cui il racconto di come a Depp sarebbe stata recisa l’ultima falange di un dito con i cocci di una bottiglia di vodka lanciata dalla Heard durante un viaggio in Australia avvenuto nel 2015.

Depp ha citato in giudizio anche il Washington Post

I due attori, conosciutisi sul set di The rum diary, una commedia distribuita nel 2011, si erano sposati nel 2015, separati l’anno successivo e avevano definitivamente divorziato nel 2017. Ma questa non è l’unica pendenza giudiziaria in corso: Heard è stata infatti citata in giudizio dall’ex marito anche per un articolo pubblicato sul Washington Post, in un’altra denuncia per diffamazione presentata nel 2019. L’avvocato statunitense dell’attrice, Elaine Charlson Bredehoft, ha dichiarato che il suo team legale presenterà ulteriori prove nel caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button