Servizi Economia e società

G20 spiagge: incassi record. Vertice nazionale dei sindaci

Oggi al vertice del G20 delle spiagge italiane che si è tenuto a Jesolo è stato tracciato il bilancio dell'estate balneare del tutto insperato

I 20 sindaci delle località balneari italiane che si sono riunite oggi sulla costa veneta, in occasione del G20, hanno presentato un progetto di legge per ottenere il riconoscimento delle loro specificità.

Interviene l’Assessore regionale al turismo veneto Federico Caner: “Diciamo che abbiamo avuto un luglio e agosto veramente importante, con tassi di occupazione oltre al 98%, si veda la costa veneta, il Lago di Garda o la montagna. Molti dicevano che la ripresa sarebbe stata nel 2024, invece già oggi abbiamo visto che la ripresa è possibile. Il tema ovviamente è l’innovazione, puntare sempre a creare nuovi prodotti e a valorizzare le nostre destinazioni.”

E continua: “Oggi siamo qui con oltre 20 città balneari che presentano un progetto di legge sul riconoscimento delle loro specificità, che ovviamente ci trovo concordi, pur con i distingui dal punto di vista tecnico-amministrativo. Sicuramente è però un’iniziativa importante e che ci porta a valorizzare un comparto che sta creando molto in termini economici, non solo per il Veneto ma anche per tutta Italia.

Cavallino Treporti

Aggiunge il sindaco di Cavallino-Treporti Roberta Nesto: “La legge ci dà la possibilità di pensare al futuro in maniera più strutturata, pianificando e cercando quindi di avere competenze, risorse e risposte per i nostri territori.”

Il turismo chiede ascolto, anche perché l’estate post-covid nel Paese ha prodotto più PIL che nel resto dell’Unione Europea.

Assocamping

Conclude il presidente Assocamping Francesco Berton: “Spero che da questo G20 esca il messaggio fondamentale che ha il turismo balneare per l’economia italiana. Abbiamo visto che anche il turismo balneare ha dato un grosso impulso all’aumento del PIL dell’ultimo periodo, che ha visto l’economia italiana crescere molto, forse coi tassi più alti in tutta l’Unione Europea.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button