Articoli di Cronaca

Cavallino Treporti: bagnante tratto in salvo da un Militare

Il fatto è avvenuto alle ore 14 di sabato. Il militare della guardia costiera ha notato un bagnante in difficoltà a circa 200 metri dalla riva, che si sbracciava in cerca di aiuto

Intorno alle ore 14 di sabato 4 luglio, l’attenzione di un Militare della Guardia Costiera di Jesolo, non in servizio ed in spiaggia a Cavallino Treporti con la propria famiglia, veniva attirata da richieste di aiuto provenienti dal mare. Giunto sulla battigia, notava un bagnante in difficoltà a circa 200 metri dalla riva, che si sbracciava in cerca di aiuto. Prontamente, il Militare decideva di raggiungere il malcapitato, mentre altre persone allertavano i bagnini della torretta nr. 9 del litorale jesolano.

Il salvataggio a Cavallino Treporti

In brevissimo tempo l’uomo della Guardia Costiera di Jesolo raggiungeva il giovane in difficoltà, per via di crampi, lo soccorreva e gli prestava assistenza iniziando a guadagnare la riva. Poco dopo, sopraggiungeva l’assistente bagnanti a bordo della moto d’acqua in dotazione, che agevolava il rientro in spiaggia in sicurezza (a bordo del mezzo nautico).

Guardia Costiera di Jesolo

“Interventi come questi rappresentano la quintessenza dell’essere un Militare della Guardia Costiera” dichiara Francesco Sangermano, il Comandante della Guardia Costiera di Jesolo, che aggiunge: “Con l’avvio dell’operazione Mare Sicuro 2020, coordinata dalla Direzione Marittima del Veneto secondo linee di indirizzo dettate a livello nazionale dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, l’aumento degli sforzi operativi da parte del mio personale sarà funzionale ad assicurare al meglio delle proprie possibilità la salvaguardia della vita umana in mare, la sicurezza della navigazione e della balneazione nonché la tutela dell’ecosistema marino”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close