Articoli di Economia e società

Iusve prova l’auto ibrida: sfida tra studenti e docenti

La «corsa» a bordo di una Toyota Full hybrid C-hr sarà raccontata in audio e video

Percorreranno un breve circuito cittadino sfidandosi in rapidità e consumi. L’auto ibrida «Full hybrid» arriva all’Università IUSVE in un evento organizzato da CUBE RADIO, emittente dello IUSVE, in collaborazione con ISRE (Istituto superiore internazionale salesiano di ricerca educativa) e grazie ad una partnership con Toyota Ferri Auto di Mestre, Padova e Due Carrare.

Sui blocchi di partenza LUNEDI’ 7 ottobre alle 9 ci saranno quattro adulti (i «Dino»), tra cui alcuni docenti, e quattro under 25 speaker di Cube Radio (gli «Shark»). La gara partirà dal Cube di via dei Salesiani e al termine della stessa chi avrà realizzato il percorso dimostrando di aver consumato e inquinato il meno possibile otterrà come premio la guida gratuita dell’auto per una settimana (sulla livrea dell’auto ci sarà il logo di Cube Radio). I giudici saranno Massimo Baccolo, Alessandra Corazza, Valentina Macolino e Raffaele Grande di Toyota Ferri auto che con un apposito sistema computerizzato misureranno i parametri di guida dell’ibrido dei due team.

L’iniziativa

Sui social preparazione e finale della gara verranno seguiti da Jasmine Pagliarusco, studentessa e social media manager di Cube Radio e e la diretta sarà a cura di Elias Mazon, responsabile di palinsesto. Il contest verrà raccontato in audio e video all’interno di un nuovo format realizzato dalla web Radio universitaria che si occuperà di sostenibilità ambientale

«L’iniziativa –spiega infatti Marco Sanavio, direttore di Cube Radio – si inserisce all’interno di un nuovo programma radiofonico condotto in studio da Aurora Simionato, che verrà lanciato proprio in questa occasione, che tratterà la sostenibilità ambientale e proporrà agli ascoltatori di passare dalle parole alle azioni concrete e quotidiane. Si tratta di una risposta concreta per sensibilizzare sulla salvaguardia del Creato e sulla responsabilità personale rispetto all’impronta ecologica».

L’ibrido in città

Grazie ad un accordo recentemente stipulato fra Comune di Venezia, Toyota ed ENI, entro la fine dell’anno verrà installata una pompa erogatrice di idrogeno in una stazione ENI a Mestre.
La Regione Veneto ha esentato per tre anni le auto ibride dal pagamento della tassa di circolazione.

L’auto ibrida

Le auto ibride, hanno due motori: uno elettrico e uno a benzina. Questi lavorano insieme, garantendo una serie di vantaggi che migliorano la qualità della vita e dell’ambiente.

Il motore elettrico entra in funzione nelle partenze da fermo con l’energia accumulata nelle batterie e dà la spinta necessaria per raggiungere basse velocità. Superata una certa velocità e nei momenti in cui c’è bisogno di maggior potenza, parte il motore a benzina. Oggi il sistema ibrido garantisce, nei percorsi misti, oltre il 50% di percorrenza in modalità elettrica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close