Per il Teatro la Fenice questi sono i giorni della Turandot il 25 e 30 maggio gli ultimi due spettacoli. E’ venuta a trovarci nei nostri studi la protagonista Carmela Remigio, una soprano che ha calcato le scene di tanti teatri nel mondo e ha cantato per dieci anni accanto a Pavarotti e sarà protagonista del don Giovanni di cui la prima è in programma il 18 giugno

Don Giovanni

Il soprano Carmela Remigio a giugno torna al Teatro La Fenice dove interpreterà per la 500esima volta il Don Giovanni di Mozart, un record assoluto. La Prima del Don Giovanni è il 18 giugno.

In questi giorni Carmela Remigio è protagonista, sempre alla Fenice, anche di Turandot di Puccini (in cui interpreta Liù). A marzo è stata protagonista anche dell’Otello di Verdi (nei panni di Desdemona), quindi nel 2019 canta in tre produzioni diverse di fila alla Fenice.

A Venezia Carmela, che è una grande cantante italiana, è molto amata, viene tutte le stagioni (in tutto ha interpretato 13 titoli d’opera diversi e oltre 70 recite negli ultimi anni). Sua madre, tra l’altro, è nata proprio a Venezia!

La storia di Carmela Remigio

Ha una storia bellissima, perché è stata scoperta giovanissima, appena 21enne, da nientemeno che Claudio Abbado che le fece un’audizione per Zerlina, il ruolo minore del “Don Giovanni”, ma che poi la selezionò per la parte principale di Donna Anna.

Da allora Carmela ha interpretato quasi 500 volte in totale sia la parte di Anna sia quella di Elvira nel “Don Giovanni” in tutto il mondo da Londra al Teatro alla Scala di Milano, da Los Angeles a Parigi, dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a La Monnaie di Bruxelles, e con i più grandi direttori come Gustavo Dudamel, Antonio Pappano e Daniel Harding, per citarne alcuni. Ha anche inciso Don Giovanni con Abbado (Deutsche Grammophon) e con Harding (Virgin).

Sempre giovanissima ha conosciuto Pavarotti con cui ha cantato insieme per anni ovunque in centinaia di concerti. Nel 2016 Carmela Remigio ha vinto il Premio Abbiati come Miglior cantante, il massimo riconoscimento per la musica classica in Italia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here