Articoli di Salute e benessere

Interventi al cuore innovativi nella Cardiologia dell’Ulss 4

Nell'emodinamica di San Donà di Piave eseguiti ad oggi 61 interventi di chiusura di forame ovale

Interventi al cuore innovativi nell’Ulss4. Negli ultimi giorni, nell’Emodinamica all’ospedale di San Donà di Piave, è stata effettuata con successo la chiusura di un forame ovale mediante l’utilizzo di un dispositivo di ultima generazione. Il tutto è avvenuto grazie al supporto di uno dei massimi esperti in ambito nazionale. Si tratta del dottor Giuseppe Santoro, direttore di Cardiologia pediatrica e congenita dell’adulto, all’ospedale del Cuore di Massa.

Il forame ovale

“Il forame ovale è una comunicazione che si trova tra due delle cavità del cuore, tra l’atrio destro e sinistro”. Ha spiegato il dottor Giovanni Turiano, direttore della Cardiologia dell’Ulss4. “Durante la vita fetale tale comunicazione risulta aperta ma dalla nascita va fisiologicamente incontro ad un fenomeno di chiusura per separare la circolazione venosa da quella arteriosa.

Tuttavia nel 25% della popolazione il forame ovale rimane aperto. Ciò favorisce il passaggio di piccoli emboli dalle sezioni destre a quelle sinistre del cuore che possono provocare l’ictus cerebrale. Fortunatamente quest’ultima evenienza è rara, ma va ricercata nei pazienti soprattutto d’età inferiore ai sessant’anni, colpiti da ictus cerebrale senza cause evidenti. In questi casi si effettua la chiusura per ridurre il rischio di una recidiva di ictus”.

Interventi al cuore

“Si procede quindi per via endoscopica – continua il dottor Turiano – con una procedura in cui, attraverso la  puntura di una vena della gamba in anestesia locale, s’inserisce un catetere condotto sino al cuore che consente di rilasciare, sotto controllo radiologico ed ecografico per via trans-esofagea, un apposito dispositivo di materiale biocompatibile che chiude in modo definitivo il forame ovale”. La procedura, eseguita con successo nella cardiologia dell’Ulss 4, si è conclusa con il ricovero del paziente di soli tre giorni.

Dal 2014, ossia da quando il dottor Francesco Di Pede ha introdotto questa procedura, in collaborazione con il dottor Leonardo Di Ascenzo, 61 pazienti hanno ricevuto il trattamento con successo. In questi casi è stata fondamentale l’accurata valutazione e selezione, con il supporto dell’unità di Neurologia diretta dal dottor Luca Valentinis.

Il commento del direttore generale

“Un’altra eccellenza di questa Azienda sanitaria – aggiunge il direttore generale Mauro Filippi -. La chiusura del forame ovale è solo una delle molteplici attività del laboratorio di emodinamica che complessivamente eroga oltre 1300 procedure annue. Queste comprendono anche la diagnostica e il trattamento percutaneo dell’infarto miocardico acuto, della cardiopatia ischemica cronica, delle arteriopatie periferiche degli arti inferiori, lo studio emodinamico delle valvulopatie e le procedure di valvuloplastica aortica. Le mie congratulazioni al dottor Turiano e a tutto il suo staff”.

L’equipe

L’equipe di Emodinamica è composta dai medici Elena Guerra, Leonardo Di Ascenzo, Luca Falco, Marcos Nato Bengoa; dagli Infermieri Francesco Chiaromonte, Loredana Antoniazzi, Luca Cantiello, Alessandro Cattelan, Giulia Iseppi, Mascia Marin, Alessandra D’Amore e Sabina Prata; dai tecnici di radiologia Alvise Ranzato e Fabio Ricci integrata per l’ecocardiografia trans-esofagea e dalla dottoressa Rita Da Cortà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button