Articoli di Cultura e Spettacolo

MusicNews: reggae patrimonio dell’umanità, il Boss e Ariana

Il reggae è diventato patrimonio dell’umanità, Bruce Springsteen sta per arrivare su Netflix, mentre Ariana Grande ha scelto YouTube per la sua docu-serie.

L’Unesco ha elevato il reggae a patrimonio dellʼumanità poiché, dice la motivazione della musica diffusa da Bob Marley: «ha contribuito al dibattito internazionale su ingiustizia, resistenza, amore e umanità, sottolineando la dinamica del elemento come bianco in una sola volta cerebrale, socio-politico, sensuale e spirituale».

La musica reggae, nata da influenze che uniscono la cultura giamaicana a quella latina, nordamericana e caraibica, ha incluso in seguito stili soul, neo-afro e rhythm and blues, fino ad arrivare allo ska. Un genere nato per dar voce all’emarginazione e che oggi si è caricato di un’importante funzione sociale.

Di emarginazione parla spesso, nelle sue canzoni, anche il Boss Bruce Springsteen, che dopo 237 repliche sold out del suo spettacolo al Walter Kerr Theatre di Broadway, sta per approdare su Netflix.

In occasione della pubblicazione del trailer che presenta il documentario sullo show (QUI), il responsabile dei programmi della piattaforma Ted Sarandos ha detto: «Siamo entusiasti di portare un grande narratore, un filantropo e voce dell’uomo comune come Bruce Springsteen a Netflix per questo storico “one man show”. Questa esperienza sfida i confini del teatro, dei concerti e dei film, e darà al pubblico uno sguardo intimo su una delle più grandi icone culturali del nostro tempo».

Sempre a proposito di trailer, Ariana Grande ci fa sapere QUI che da domani sarà disponibile su YouTube la prima puntata della sua docu-serie “Ariana Grande: Dangerous woman diaries”. Il progetto, diviso in quattro parti spazia dai live del “Dangerous woman tour”, al concerto benefico One Love Manchester del 4 giugno 2017, fino alle fasi di realizzazione dell’ultimo album “Sweetener”. Le uscite avranno cadenza settimanale, ma gli iscritti a YouTube Premium potranno vedere subito, da domani, l’intero lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
X