Home Notizie Articoli di Economia e società Il Comune di Mogliano stanzia un fondo per le bollette

Il Comune di Mogliano stanzia un fondo per le bollette

487
Il Comune di Mogliano stanzia un fondo per le bollette

L’amministrazione di Mogliano Veneto ha predisposto un fondo di 40.000 euro per le bollette delle famiglie in grave disagio economico; le domande potranno essere inoltrate tramite bando fino al 9 novembre.

Il Comune di Mogliano anche nel 2018 offre aiuto alle famiglie economicamente in grave disagio, stanziando un fondo di 40.000 euro a titolo di rimborso al pagamento parziale o totale della tariffa TARI.

E’ stato predisposto un bando per determinare i requisiti per la presentazione delle domande di contributo e le conseguenti modalità di erogazione.

Il bando è disponibile, assieme al modulo per la presentazione della domanda, nel sito istituzionale e presso gli uffici di Punto Comune ai quali le domande potranno essere presentate fino al 9 novembre.

“Il nostro welfare comunale sostiene le famiglie in difficoltà; sempre più nuclei si ritrovano in situazioni difficili a causa del lavoro che manca o si perde, delle pensioni che in molti casi sono sotto la soglia della sopravvivenza.”

“E’ un nostro obiettivo primario creare una rete di sostegno affinché nessuno dei nostri cittadini resti indietro o non riesca a soddisfare i bisogni primari per pagare le bollette.”, hanno dichiarato il Sindaco Carola Arena e l’assessore alle politiche sociali, Tiziana Baù.

Per poter ottenere il contributo è necessario essere cittadini italiani o di uno Stato appartenente all’Unione Europea o cittadini di uno Stato non appartenente all’Unione Europea purché muniti di regolare permesso di soggiorno o carta di soggiorno.

I soggetti in possesso dei requisiti di ammissibilità saranno inseriti in apposita graduatoria formulata in base all’ordine crescente dei valori ISEE dichiarati nella domanda (in corso di validità) e suddivisi in fasce; ad ogni fascia corrisponderà una diversa percentuale di contributo erogabile.

Alla fascia A (Isee 0,00.= a 8.000 euro) andrà il 100% della tariffa rifiuti dovuta, alla fascia B (da 8.000,01.= a 12.000,00 euro) il 50%, alla fascia C (da 12.000,01.= a 16.000,00 euro, per nuclei familiari con almeno 4 figli di età inferiore a 26 anni) sempre il 50%, il tutto fino all’esaurimento dei fondi.

Non può accedere al contributo, oltre a chi non possiede i requisiti, chi ha debiti scaduti nei confronti del Comune, i richiedenti che presentano domande incomplete, coloro che richiedono il pagamento del tributo comunale relativo a locali commerciali, ad alloggi adibiti ad uso non abitativo, nonché relativi a qualunque altro immobile diverso dall’abitazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here