Articoli di Cultura e Spettacolo

I mascareri: i segreti di uno dei mestieri artigianali più antichi di Venezia

Un mestiere che viene praticato ormai da secoli, vive e sopravvive a Venezia grazie alla passione e alla manualità dei mascareri

Manualità, occhio artistico, la viscosità della colla tra le mani unita alla porosità dei fogli di carta che si sovrappongono fino a formare, appoggiati su un calco, la forma di una maschera. È così che i mascareri di Venezia passano le loro giornate.

Il lavoro dei mascareri

In piccolissime botteghe con le mani poggiate su piani di lavoro ricoperti di strumenti del mestiere. Dallo scalpello alla gommalacca, dai pennelli alla colla a caldo. Fino a passare per i lucidanti, gli acrilici, la creta e gli innumerevoli ornamenti che andranno a creare, dopo ore e ore di lavoro, un’oggetto artistico. Tutti, comunemente, lo chiamiamo maschera di Carnevale.

La storia di questo mestiere veneziano

Quello dei mascareri, a Venezia è uno dei mestieri artigianali più antichi ma ancora vivi in città. Continua a testimoniare ancora oggi, a 1600 anni dalla nascita di Venezia, una tradizione artigianale preziosissima. Vede il suo momento di massimo splendore nei giorni di Carnevale che quest’anno viene festeggiato a Venezia dal 12 febbraio al 1° marzo.

A Venezia, di mascareri, ce ne sono circa una trentina. Uomini e donne che hanno imparato l’arte della costruzione delle maschere dai loro genitori o dai loro nonni. Li hanno guardati mettere le mani in pasta per creare le più belle maschere che si potessero indossare a Carnevale. In passato, il numero di mascareri era pressoché lo stesso con 12 botteghe. Queste si contavano in città nel 1773 ma la passione di chi svolge questo mestiere, allora, come oggi, è sempre la stessa. Così come le tecniche utilizzare per realizzare le maschere. Si parte sempre da una base, un calco in gesso a cui si dà una forma. Questa sarà poi quella della maschera che si desidera realizzare.

Questi i segreti del lavoro dei mascareri

A raccontarci i segreti di questo mestiere sono gli attuali mascareri che lavorano e vivono a Venezia portando avanti una tradizione che ha secoli di storia alle spalle.

Tommaso Toffolo, mascarero specializzato nella produzione delle maschere grezze: “Il procedimento per costruire un calco con cui poi si fanno le maschere è sempre lo stesso. Si può usare della creta, modellarla e ricavare poi una maschera o usare dei modelli già esistenti. Una volta che si ha il modello si usa il gesso per creare la struttura da cui poi si ricaverà la maschera. Si fa prima una colata molto liquida di gesso, per ricoprire tutte le pieghe della maschera. Poi si usa del gesso più solido per creare la struttura vera e propria del calco. Si lascia asciugare dai 3 ai 7 giorni. Solo allora si toglierà la creta o il modello in cartapesta verificando che non vi siano imperfezioni. Poi si applica della gomma lacca che serve a rendere impermeabile il gesso che altrimenti tenderebbe ad assorbire l’acqua e avere una durata molto più breve. Asciugata la gomma lacca si avrà tra le mani il calco pronto a essere usato per le maschere.”

Ecco le maschere più conosciute e richieste di Venezia

Tra le maschere più richieste a Venezia ci sono i grandi classici come Casanova, la Bauta, Pantalone, Arlecchino. Poi si uniscono le maschere più originali come i personaggi mitologici o quelli più bizzarri ma tra tutti. La più richiesta è la maschera del medico della peste, molto conosciuta anche all’estero.

La parte decorativa delle maschere

Una volta realizzata la base in cartapesta si può passare alla decorazione della maschera che può seguire il gusto del decoratore o le richieste del cliente.

Dichiara Anna Maria Scintu, decoratrice professionista a Venezia: “Decorare una maschera è una passione dalla quale è difficile staccarsi. Quando si ha tra le mani una maschera non ancora decorata è come avere di fronte una tela bianca che può trasformarsi, con il colore, in qualsiasi cosa si voglia. Io uso diverse tipologie di decorazioni per le mie maschere. Dagli acrilici ai pezzi di tessuto, dai cristalli alla foglia oro o argento fino a passare per la colla a caldo, i brillantini o il lucidante. Poi sempre con i colori si possono mettere in evidenza alcune parti del viso. Ad esempio il contorno occhi, la bocca o il naso usando l’ombreggiatura. Attraverso il colore si può dare anima a una maschera, darle un’espressione. La vita partendo da un pezzo di carta, dall’acqua e dalla colla ed è questa la magia di questo mestiere”

Il materiale con cui i mascareri creano le loro maschere

Oltre a quelle di cartapesta, le maschere possono essere realizzate anche con il cuoio e, maestro di questo particolare artigianato in città è Carlo Setti che, da oltre 40 anni, realizza maschere con questa tipologia di materiale.

Le parole di Carlo Setti: “Le maschere in cuoio sono maschere legate alla tradizione del teatro e hanno il pregio di essere, non dico eterne, ma di durare a lungo nel tempo. Le maschere di cuoio si fanno partendo sempre da uno stampo in cui viene applicato il cuoio bagnato, poi strizzato più volte e, manualmente, si cerca di adattarlo allo stampo il più possibile. Poi lo si inchioda per renderlo fermo e si passa alla fase della battitura con un martello di corno e una stecca di legno, tirando il materiale finché non si asciuga per bene. Solo a questo punto si passerà al taglio degli occhi e del naso. Gli strumenti di questo mestiere sono pochi: un martello di corno, una stecca di legno, taglierini vari, tanto olio di gomito e una bella dose di pazienza perché è per concludere una maschera in cuoio ci vogliono dai due ai tre giorni”

Di cartapesta, di cuoio, dipinte a mano o decorate con tessuti preziosi, le maschere fanno parte di una tradizione veneziana che continua a portare avanti, ancora oggi, un’arte antichissima ma molto importante per la città e la sua storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button