Servizi Cronaca

Palù: “Venezia sede di un centro di studio sulle pandemie”

Palù: Non sarà il CoronaVirus o i suoi figlioli ma i batteri molto resistenti che nel 2050 rischieranno di ammazzare più del cancro

Venezia sede di un Consorzio internazionale che sviluppi la ricerca sulle nuove pandemia. È la creatura a cui sta lavorando in questi giorni Giorgio Palù, presidente dell’Aifa ma virologo di fama internazionale e scienziato legato alla sua terra: il Veneto.

La notizia data durante la diretta da Marghera

La speranza di partire presto con un consorzio nazionale parte del progetto di ricerca sulle nuove pandemie.

Palù specifica: “Non sarà il CoronaVirus o i suoi figlioli ma i batteri molto resistenti che nel 2050 rischieranno di ammazzare più del cancro quindi dobbiamo essere preparati”.

Venezia è la sede scelta dove se n’è parlato anche ieri alla commissione del G20 raccontando la peste del 1348 inventando i lazzaretti, i medici della peste e le quarantene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button