Servizi Cronaca

Auto Carrozzeria Moderna: 13 furti in cinque anni

Ennesima incursione notturna alla Carrozzeria Moderna di via Giustizia. Paolo Favaretto: «Zona senza controlli, così non si può andare avanti»

La notte scorsa, poco dopo mezzanotte, è suonato di nuovo l’allarme all’Auto Carrozzeria Moderna di Via Giustizia a Mestre. I titolari hanno trovato l’ennesimo scempio: vetri rotti, distributori automatici scassinati, pneumatici prelevati dagli scaffali e lanciati tra i rovi. Si sta ora procedendo alla quantifica dei danni ed è stata sporta una nuova denuncia.

L’ultima volta era accaduto appena 12 giorni fa, sabato 18 gennaio. In totale: 14 episodi in meno di 6 anni.

Via Giustizia

Questo non è fare impresa, non è nemmeno vivere dichiara il titolare Paolo Favaretto. È assurdo che una famiglia debba continuamente rimettere ordine e mano ai portafogli a causa delle scorribande di balordi, senza alcuna tutela. Già la settimana i titolari hanno scritto al sindaco Luigi Brugnaro e al prefetto Vittorio Zappalorto, per una soluzione per via Giustizia che parli di sicurezza vera, non solo percepita.

Continua Paolo Favaretto: Le autorità sanno bene quali sono i problemi di questa via e conoscono la storia della strada: c’è una casa abbandonata, un’ex falegnameria, dove bivaccano delle persone e nessuno fa niente per risolvere questa situazione di degrado. Per anni è stato chiesto di trovare una soluzione. Qui insistono molte attività che combattono ogni giorno per sopravvivere e risollevare il degrado di questo quartiere.

Auto Carrozzeria Moderna

Ma è possibile lottare da soli. Serve l’esercito, anche in questo lembo di città. Servono controlli assidui, vigilanza continua e telecamere. E serve soprattutto una decisione, anche drastica, come l’abbattimento degli edifici che generano degrado dichiara Favaretto. Non si può andare avanti molto in questa situazione. L’attività dà lavoro a 20 famiglie, se non arriva una decisione drastica e risolutiva i titolari saranno costretti a farlo da soli a scapito del quartiere, dell’impresa, del lavoro dei loro collaboratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button