Articoli di Cronaca

Furti in abitazione: preso nella notte ladro in fuga a Mestre

Il ladro con precedenti penali è stato arrestato nella zona della stazione di Mestre dopo un'ora di ricerche

Continua senza sosta e si rafforza l’attività di controllo del territorio da parte della Polizia di Stato di Venezia. Ha già iniziato a dare i primi risultati nella lotta al recente aumento di furti in abitazione che si sono verificati durante le scorse settimane.

La notte scorsa a Mestre, la Squadra Volanti della Questura, durante un’attività di prevenzione e contrasto, è riuscita a fermare l’ennesimo tentativo di furto.

Furti in abitazione

Alle ore 03.00 di mercoledì 24 novembre, è giunta al 113 una telefonata da parte di un residente allarmato, dopo essersi svegliato da dei rumori sospetti provenienti dal piano inferiore del suo appartamento. Qualcuno aveva tentato di entrare in casa, provando inutilmente a scassinare la serratura della porta d’ingresso, danneggiandola, per poi darsi precipitosamente alla fuga. Avvistato fuggire successivamente in direzione Via Cavallotti e Via Piave.

Le ricerche della Polizia di Stato e l’arresto

Immediatamente sono partite le ricerche da parte delle pattuglie della Squadra Volanti. In un primo momento sembravano non dare risultati, ma gli agenti hanno continuato con tenacia a cercare di rintracciare il soggetto.

Grazie al continuo scambio di informazioni con la vittima del tentato furto, la Volante, dopo circa un’ora, è riuscita ad individuare, nei pressi della Stazione Ferroviaria di Mestre, un uomo le cui sembianze corrispondevano perfettamente con l’identikit fornito agli agenti di Polizia.

Il soggetto, un cittadino italiano con vari precedenti penali, è stato fermato nel tentativo di far perdere le sue tracce e riconosciuto dal proprietario di casa. Condotto in Questura, a seguito di ulteriori accertamenti e dopo interlocuzione con l’autorità giudiziaria, ha ricevuto una denuncia per il tentato furto.

Un segnale importante da parte della Polizia di Stato per tutti i cittadini. In queste ultime settimane la città ha cercato nelle Forze dell’Ordine una risposta concreta per arginare questo fenomeno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button