Home Notizie Articoli di Cultura e Spettacolo CineWeekend: “Frozen II: Il segreto di Arendelle” si impone su tutti gli...

CineWeekend: “Frozen II: Il segreto di Arendelle” si impone su tutti gli altri

Le novità nei cinema italiani: “Frozen II: Il segreto di Arendelle”, “Un giorno di pioggia a New York”, “Midway” e "Il peccato - Il furore di Michelangelo".

“Frozen II: Il segreto di Arendelle” è già partito con il botto!

Arrivato ieri in oltre 1000 sale “Frozen II: Il segreto di Arendelle” (TRAILER), il sequel di “Frozen – Il regno di ghiaccio”, ha già raccolto 755mila euro, dopo aver stabilito il record per un film Disney nel weekend di apertura negli Usa, con un incasso di 130 milioni di dollari. La trama prevede il ritorno in scena di Elsa, sua sorella Anna, Kristoff, Olaf e Sven per una nuova avventura magica. Le principali voci italiane appartengono a: Serena Rossi, Enrico Brignano e Serena Autieri.

“Un giorno di pioggia a New York”, il nuovo di Woody Allen

Censurato, invece, oltreoceano Un giorno di pioggia a New York, di Woody Allen, in seguito alla causa di molestie intentata nei confronti del regista e nonostante un ricco cast: Elle Fanning, Timothee Chalamet, Selena Gomez e Jude Law, fra gli altri. Due studenti hanno intenzione di trascorrere un weekend romantico nella Grande Mela, ma il loro progetto piano piano svanisce, così come lentamente spariscono le giornate di sole, spazzate via da un’incessante pioggia.

“Midway” e “Il peccato – Il furore di Michelangelo”

Già uscito ieri (45mila euro di introiti) anche Midway, che celebra la battaglia aero-navale delle Midway, vinta dagli americani e determinante nel ristabilire l’egemonia nel Oceano Pacifico sulle forze giapponesi nel corso della Seconda guerra mondiale. Altro film storico è Il peccato – Il furore di Michelangelodel russo Andrei Konchalovsky che ha anche collaborato allo script della biografia del celeberrimo scultore italiano sempre in bilico tra la grazia divina e l’ambizione scaltra, l’avidità e la voglia di primeggiare che non si ferma davanti a niente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here