Radio Venezia Musica

Francesco Venturi e Achille Lauro: Tutto di me

Questa è la storia di un ragazzo che, nonostante la convivenza con una malattia incurabile, ha trovato la forza di dar sfogo e voce alla sua poesia scrivendo un libro intitolato "Tutto di me".

La poesia per descrivere una “vita così piena di ostacoli ed ‘inciampi’, il “posto nel mondo” di un ragazzo di 23 anni affetto da distrofia muscolare di Duchenne, malattia neuromuscolare che dà segnali nei primi anni di vita, con la perdita progressiva nei bambini della capacità di deambulare e poi l’interessamento dei muscoli respiratori e cardiaci. L’esperienza di Francesco Venturi, classe 1999, che vive con la sua famiglia a Serra San Quirico, e culla da quando è nato il sogno di scrivere. Lo raccontata nel libro “Tutto di me”, presente negli store online e nelle librerie. A sposare il progetto un amico di Francesco, il cantante e ‘showman’ Achille Lauro che cura pre e post fazione del libro.

Achille Lauro conclude così l’opera

“Sono perdutamente innamorato delle persone che fermano su fogli di carta i pensieri più nascosti per donarli al mondo. Chi sogna l’irreale per poi dipingerlo, chi decide di raccontare la propria storia offrendola a chi la ascolterà”.

Queste le parole di Francesco Venturi

“Ho scelto la poesia, poiché l’unico modo per descrivere la mia vita così piena di ostacoli ed ‘inciampi’ è utilizzare il canto, una poetica che sottolinei la bellezza inusuale del mistero di questa esistenza”. Solo attraverso l’arte della parola il giovane ragazzo ha scoperto di poter raccontare il suo “posto nel mondo”. Inizialmente con i testi delle canzoni rap e poi con la poesia.

Parte delle copie del libro sono state donate ai Centri Clinici NeMO (cura malattie neuromuscolari, con all’interno 23 specialità cliniche per la presa in carico dei pazienti; presenti a Milano, Roma, Arenzano, Brescia, Trento e Napoli), di cui paziente Francesco, a disposizione di persone in cura e loro famigliari. Il settimo Centro NeMo in Italia aprirà ad Ancona in primavera per la comunità neuromuscolare del territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button