Articoli di Economia e società

Fiera Alto Adriatico Caorle: domenica il taglio del nastro

Fiera Alto Adriatico Caorle: domenica 3 aprile alle 10 il taglio del nastro con il presidente Luca Zaia che interverrà anche sul problema costa

Il futuro della Costa Veneta inizia dalla Fiera dell’Alto Adriatico. Entrerà nel vivo fin dal primo istante, l’appuntamento fieristico più atteso, la Fiera dell’Alto Adriatico per l’appunto, che si terrà dal 3 al 6 aprile al PalaExpomar di Caorle. LEGGI ANCHE: tutto quello che c’è da sapere

Fiera Alto Adriatico Caorle: domenica 3 aprile ore 10 il taglio

Dopo il taglio del nastro di domenica 3, alle ore 10, con il presidente del Veneto Luca Zaia, l’attenzione si sposterà nella Sala Azzurra dove si terrà l’incontro sul tema: “Il futuro della Costa Veneta, un bene da tutelare. Innovazione di pensiero per nuova visione di sviluppo”.

Interverranno, oltre al governatore del Veneto ed il suo assessore al turismo, Federico Caner, l’europarlamentare Rosanna Conte, la presidente della Conferenza dei Sindaci del Litorale Veneto, Roberta Nesto, il neo riconfermato presidente di UnionMare Veneto, Alessandro Berton; il sindaco di Caorle Marco Sarto porterà i suoi saluti ad una platea che vedrà la presenza di tutti i sindaci dei due mandamenti, Portogruarese e Sandonatese.

Raffaele Furlanis

“La Fiera dell’Alto Adriatico è una imprescindibile vetrina per le eccellenze del turismo, ma rappresenta anche un importante momento di incontro e confronto sulle principali tematiche che riguardano il nostro comparto.” commenta il presidente di Expo Caorle, Raffaele Furlanis.

La Fiera dell’Alto Adriatico è organizzata da Venezia Expomar Caorle, Associazione Jesolana Albergatori, comuni di Caorle e Jesolo con il patrocinio della regione del Veneto. Madrina dell’inaugurazione sarà la signora Letizia Pillon, della storica famiglia di albergatori di Bibione. Un modo per dimostrare, concretamente, la collaborazione tra località (già presente con Venice Sands) e la volontà di coinvolgere tutto il comparto turistico della costa, nell’importante appuntamento fieristico.

“Esprimo soddisfazione per questa edizione perché, seppur vivendo un momento di particolare disagio economico e civile (pandemia, inflazione, costi energetici Est Europa), numerose aziende di produzione e commercializzazione di prodotti enogastronomici, di arredi e servizi alla persona, anche nuove, hanno aderito alla cinquantunesima edizione.” continua il presidente Furlanis.

Alberto Maschio

“La Fiera dell’Alto Adriatico è stato il primo, concreto, esempio di collaborazione tra colleghi della costa veneta, in pratica il precursore di realtà divenute importanti come Venice Sands e la Conferenza dei Sindaci della costa. Abbiamo dimostrato che si può essere colleghi e non concorrenti. Ora questo appuntamento deve sapere guardare al futuro, senza paura, con innovazioni che aiutino i giovani ad entrare in questo comparto.” gli fa eco il presidente Aja, Alberto Maschio.

Alle 12 buffet inaugurale con Fisar, Confraternita Risi e Tochi, Confraternita dea Renga, associazione Mira, I pescaori Op Bivalvia Veneto, Pizza e Pasta Italiana, associazione Gelato Veneto e tanti prodotti gastronomici selezionati dalle nostre realtà locali.

La scuola alberghiera Lepido Rocco di Caorle, in collaborazione con l’associazione italiana Maître Amira presentano “L’arte del flambè” e la preparazione e degustazione della classica Crêpess Suzette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button