Servizi Economia e società

Festa dell’asparago e della fragola: al via alla 44^ edizione

Guardigiano di Scorzè: «una festa che nasce dalla terra, grazie a tutti i nostri agricoltori». Ma la produzione di asparago verde è in crisi

Un omaggio agli agricoltori che producono prodotti sani. Un’attenzione alle tradizioni locali perché non vadano perdute. Questi i valori che la Pro Loco di Scorzè cerca di valorizzare in ogni iniziativa dedicata ai prodotti della terra. Anche per la 44^ edizione della Festa dell’asparago e della fragola inaugurata questa domenica 8 maggio a Gardigiano.

Nais Marcon, Sindaco di Scorzè

“Questa festa nasce dalla terra, dai prodotti della terra, dagli agricoltori che mettono tutta la propria professionalità per produrre prodotti sani e rispettosi della natura e del territorio osservando tutte le regole. Un grazie anche ai tanti volontari che ci mettono il cuore per dare una mano in queste iniziative”, dice Nais Marcon.

Lorenzo Michielan, presidente della Pro Loco di Scorzè

“Credo sia proprio il compito delle Proloco mettere in evidenza le peculiarità del territorio. Noi non ci fermiamo mai. Abbiamo ripreso questa festa dopo due anni di pandemia e siamo in dirittura d’arrivo per una iniziativa che coinvolgerà tutti i produttori veneti dei “bisi”, i piselli. Questo prodotto, ricordiamolo, veniva consumato a Venezia dal Doge il 25 aprile e veniva anche offerto ai cittadini. Dobbiamo far conoscere a tutti le nostre tradizioni”, spiega Michielan.

Ma come sta andando la stagione degli asparagi quest’anno?

Amerino Durante, produttore dell’asparago verde di Rio San Martino

“La situazione è un po’ problematica perché abbiamo avuto la primavera con le temperature notturne troppo basse. L’asparago verde è un germoglio che ha un ciclo breve di crescita. Praticamente in due giorni è già buono da raccogliere. Soffre e diventa “ad ombrello” se c’è troppo bagnato o se fa freddo. Il clima ideale è sui 12 – 15 gradi di notte. Di giorno poi non ci sono problemi”.

Festa dell’asparago e della fragola

La festa proseguirà anche da venerdì 13 a domenica 15 nella tensostruttura all’interno del piazzale della parrocchia di San Donato e non solo. Venerdì 13 maggio alle ore 20.00 la 10^ edizione della cena della costata. Sabato 14 serata giovani con menù particolare. Domenica 15 alle 8.30 escursione in bicicletta da piazza Giovanni Paolo II di Gardigiano. Destinazione Zero Branco con visita al museo della civiltà contadina della famiglia Donà. Accompagnerà la guida naturalistica Davide Simionato che farà conoscere ai partecipanti le bellezze naturalistiche del territorio.

Alle 9.30 25^ Motofragola aperto a tutti i tipi di moto organizzato dal Moto Club Scorzè a cui farà seguito il pranzo. Alle 14.30 “Germogli in arte” laboratorio educativo-creativo con l’artista Marilena Corallo. Alle 22 chiusura della festa con torta gigante per tutti. Nei giorni di festa aperto lo stand gastronomico anche per asporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button