Servizi Cronaca

Il FAI fa il pienone nel Veneto in occasione delle giornate di primavera

Assalto alle spiagge e alle città d'arte. La voglia di muoversi e di dimenticare la pandemia e la guerra ha caratterizzato il primo fine settimana di primavera e il FAI ha inanellato un altro successo nelle città d'arte

E’ stato un fine settimana da liberi tutti quello appena trascorso nel Veneto. Spiagge e città d’arte hanno registrato il pienone, complice anche il tempo. Il FAI, in occasione della 30esima giornata nazionale di primavera, ha attirato folle di turisti ovunque.

Il FAI ha aperto spazi solitamente chiusi al pubblico

Il FAI ha, infatti, aperto edifici e spazi solitamente chiusi al pubblico, come a Venezia dove era visitabile Palazzo Corner Mocenigo a San Polo, oggi sede della caserma Piave della guardia di finanza. Visitabile, inoltre, il Palazzo Sandi.

Palazzo Corner Mocenigo

Palazzo Corner Mocenigo è una delle residenze patrizie più monumentali della Venezia del rinascimento. La famiglia, che contava tre dogi, ha riunito nelle sale del palazzo una collezione straordinaria di opere di Antonello da Messina, Bellini, Pietro da Cortona. Affidò, inoltre l’edificio intorno al 1720 alle cure di un giocane artista molto promettente: Gianbattista Tiepolo.

Palazzo Sandi

Anche Palazzo Sandi, costruito intorno al 1720 sul Canal Grande, ha un’opera di Gianbattista Tiepolo, un grande affresco che decora il soffitto della sala da ballo. Commissionato da Tommaso Sandi, molto probabilmente in occasione delle nozze del figlio Vettor con Elisabetta Donato, di stirpe vecchia e nobilissima.

Il FAI ha attirato turisti ovunque

Venezia ha registrato 70mila presenze sabato e 50mila domenica. Soddisfazione anche a Portogruaro dove il FAI ha proposto un itinerario alla scoperta di palazzi storici, intrecciato ad un percorso enogastronomico proposto dalla Confcommercio.

Le strade che portano al mare, inoltre, hanno registrato lunghe code, portando molti pendolari sulle spiagge, per la gioia di ristoratori e commercianti. Riproponendo, però, i problemi di sempre legati alle strade di accesso alla costa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button