La lavorazione del pesce in atmosfera modificata trae dei benefici ma non solo, Fabio Padoan amministratore di Polesana Pesca ci parla anche della commercializzazione

Intervista a Fabio Padoan, amministratore Polesana Pesca Srl, che ci spiega la lavorazione del pesce in atmosfera modificata. Prima si commercializzava il pesce sottovuoto e spesso rischiava che con un minimo tocco o pressione si gonfiava.

Con ATM (atmosfera modificata) invece viene messo su un contenitore rigido rivestito di un film protettivo e con l’aggiunta di tre gas:azoto, anidride carbonica e ossigeno. Grazie a questo il pesce poteva essere venduto anche su piccole superfici e con una durata maggiore compresa tra i 6/10 giorni.

La commercializzazione con l’estero poi è di tempi strettissimi, camion con a bordo due autisti per evitare pause, con il frigo sempre controllato, anche da computer, per garantire la freschezza. Il mercato estero però non incide nella selezione del personale qualificato in lingue, ma c’è una distinzione tra selezione per figure idonee ai bisogni dell’azienda. C’è poi la formazione che è la parte più importante.

Prevede una formazione del personale, tramite corsi mensili, per riconoscere il pesce fresco, trattarlo e per questioni di sicurezza per la salute altrui. Parlando di questo, si effettuano dei controlli continui da parte delle autorità sanitarie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here