Radio Venezia Musica

Eurovision: reunion tra Mahmood e Blanco

I due cantanti che parteciperanno all'Eurovision 2022 sono entusiasti. "Un'esperienza per far conoscere la nostra musica"

Dopo la vittoria al Festival di Sanremo e i rispettivi concerti degli artisti, Mahmood e Blanco si ritrovano a Torino per l’Eurovision Song Contest. Quest’ultimo inizierà martedì 10 maggio e avrà la partecipazione di 40 Paesi.

Un’esperienza per far conoscere la nostra musica

“E’ un bellissimo evento per tutta la musica, dopo due anni di covid. Una bellissima occasione da condividere con altri artisti superforti. Siamo felici ed entusiasti”, dice sorridendo Blanco. Aggiunge che Mahmood non gli ha dato particolare consigli sull’evento. Questa è, infatti, la seconda volta che Mahmood partecipa al Contest, dopo il 2019 con “Soldi”.

“La verità è che non ci sono consigli da dare, il ragazzo è bravo e fa il suo. E poi penso che il modo migliore di vivere questa esperienza sia con estrema libertà. Un’esperienza per far conoscere la nostra musica”, afferma Mahmood.

Ma su una cosa entrambi sono d’accordo: “Non sentiamo la pressione. Siamo qui per divertirci. E’ la frase chiave del nostro anno.” Per quanto riguarda un’altra possibile collaborazione tra i due, non ci sono certezze. Entrambi gli artisti, infatti, sono impegnati nei rispettivi tour. Ma non escludono l’idea di poter lavorare di nuovo insieme in futuro.

Parlano della canzone in gara all’Eurovision

“In Brividi abbiamo messo i nostri punti di vista sull’amore e sulla paura di esporsi. Pensando alle nostre vite, cantiamo di un sentimento profondo. Non ci siamo posti il problema se fosse quello tra uomo e donna, o tre due uomini o tra due donne. L’amore deve essere libero, universale”, affermano i cantanti.

Per il cantante Mahmood, l’amore è qualcosa di complicato. “E’ quello che ho raccontato nel brano: la difficoltà a esprimersi”.

Invece, per il giovane Blanco l’amore è passione, che sia per la musica, per la vita, per una persona. “Ma di base parte tutto dalla passione”.

Mahmood commenta la loro collaborazione. “Ci compensiamo, ci bilanciamo con l’energia. Abbiamo i giorni nostri no, ma quando uno è giù, c’è l’altro che prova a tirarlo su. Da soli o in duo sono esperienze totalmente diverse. In questo caso sto imparando cose nuove, come la condivisione delle emozioni sul palco. In due può essere meglio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock