Servizi Politica

Elezioni, Zaia: “costretti a votare in settembre. Brutta pagina di storia”

Luca Zaia ha usato parole molto dure sullo spostamento della data delle elezioni a dopo metà settembre

Con la fine del Lockdown riprende la lotta politica e la data delle prossime elezioni diventa argomento di scontro, anche perchè il governo ha imposto alle regioni di fissare una data oltre il 15 settembre il che significherebbe tenere le scuole chiuse per altri quindici giorni. Luca Zaia ha usato parole molto dure.

Elezioni

“Se il Parlamento non fissa la data delle elezioni noi non possiamo programmare l’apertura delle scuole, non è mai accaduto in Italia . Dobbiamo anche commisurare con la bassa stagione turistica”. A dirlo il presidente del Veneto, Luca Zaia nel corso del punto stampa presso la Protezione Civile a Marghera.

“Del tema delle elezioni ne ho parlato a lungo col presidente Mattarella – ha aggiunto Zaia – sa benissimo quale è la situazione. Non possiamo nemmeno fissare data della visita, se non possiamo programmare anno scolastico, e questo sempre perché non si sa quando si va a votare. Un’apertura simbolica col Capo dello Stato…non so”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close