Dove finiscono i masegni ottocenteschi che vengono rimossi durante gli interventi nella città antica per l’esecuzione dei lavori di posa della fibra ottica?

Per fare il punto sulla situazione l’assessore ai Lavori pubblici Francesca Zaccariotto ha promosso una conferenza stampa insieme al consigliere Maurizio Crovato. Assessore e consigliere nei giorni scorsi si sono recati in calle Priuli, a Cannaregio. Dove vengono depositati, catalogati, numerati, ricoperti da nylon i masegni recuperati dai lavori per la realizzazione dei nuovi pozzetti per la banda ultra larga sulla pavimentazione storica. E attraverso un video, hanno voluto documentare qual è il percorso delle pietre e come vengono riutilizzate andando a riqualificare alcune zone importanti della città.

I numeri

Dei 105 bancali di calle Piruli, 6 sono stati destinati  al cantiere dei Sottoportici di Rialto e Oresi, per effettuare alcune riparazioni nell’area realtina; altri 4 bancali per ripavimentare parti vicine al ponte di S. Francesco della Vigna di cui si è realizzata la manutenzione; ulteriori 3 sono stati utilizzati dalla stessa Flash Fiber per dei ripristini sugli interventi in esecuzione, per un totale di circa 200 masegni.

La parte più rilevante è stata destinata a dicembre 2018 per il ripristino della pavimentazione nella vicina Corte del Bagolaro e Ramo Bosello, precedentemente sterrata. L’area di intervento, di circa 250 mq, è il risultato della rimozione di un muro di confine durante la riqualificazione dell’Area Saffa negli anni 90, con il conseguente collegamento tra la Corte del Bagolaro e il Ramo Bosello, una volta cieco. La pavimentazione in masegni era presente solo lungo gli edifici di Ramo Bosello, per una larghezza di circa 1,50 metri pari a circa 50 mq, per il resto era in terra battuta e ghiaino, quindi spesso piena di pozzanghere.

L’intervento, costato 40 mila euro, ha consentito poi la posa di una nuova condotta del gas e il rifacimento delle linee di acqua potabile, sono stati ricollocati circa 800 masegni di recupero. Per i lavori, conclusi nel mese di marzo 2019, sono stati complessivamente utilizzati 32 bancali di masegni.

Nel deposito di calle Priuli rimangono ancora 60 bancali con circa 1300 masegni che verranno impiegati per interventi analoghi di manutenzione urbana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here