La Voce della Città Metropolitana

Costa veneta non può vivere solo con il mercato interno: parla Berton

La costa veneta in questo fine settimana ha tirato un sospiro di sollievo grazie alla revisione delle misure del distanziamento da rispettare lungo le spiagge, ma il settore lamenta poca attenzione da parte del governo. Alessandro Berton dice: “non ci prendono sul serio”

Alessandro Berton Presidente di Unionmare Veneto parla della costa veneta. È un bene avere la possibilità di avviare le operazioni di allestimento delle spiagge e quindi di consentire la continuità aziendale per dare opportunità occupazionali ai tanti stagionali impiegati nella costa veneta. Ma non sono arrivate dal governo misure straordinarie apposite per il comparto.

Il turismo della costa veneto deve avere delle attenzioni dedicate

Lo scorso anno il 50% dei 19 miliardi provenienti dal turismo del Veneto è venuto proprio dalle spiagge ma al momento non arrivano prenotazioni. Sarà una stagione molto difficile, partirà in salita non solo per la situazione epidemiologica ma sopratutto per le difficoltà economiche. La componente del turismo straniero e dei mercati di prossimità è fondamentale, la costa veneta non può vivere solo con il mercato interno. È da sempre premiata dai mercati di prossimità di lingua tedesca.

Servono aiuti da parte del governo per mettere in sicurezza e consentire agli ospiti stranieri di tornare in tute le spiagge della costa veneta. Non sarà possibile garantire la stessa capacità occupazionale degli anni scorsi, si sta cercando il miglior compromesso per poter accontentare tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close