Servizi Cronaca

Costa Deliziosa sbandò per la bufera a Venezia: assolto il comandante

E' stata imprevedibile quella burrasca che il 7 luglio del 2019 stava per schiantare una grande nave contro Riva Sette Martiri. Lo dice una perizia della Procura veneziana che assolve dunque il comandante della Costa Deliziosa e da fiato ad altre polemiche

L’evento meteo era imprevedibile. Secondo il consulente Antonio Scamardella della procura di Venezia, il comandante della Costa Deliziosa va assolto per per l’incidente sfiorato il 7 luglio scorso in Riva Sette Martiri durante una burrasca.

Costa Deliziosa

Il comandante dopo quell’incidente fu iscritto nel registro degli indagati per rischio naufragio e ora, dopo la consegna di questa consulenza, la procura veneziana ha chiesto l’archiviazione perchè nella relazione si dichiara che era impossibile garantire una sicurezza assoluta con le dimensioni della nave, anzi, emerge l’abilitò del comandante che sotto la pressione delle raffiche di vento superiori alla fatidica soglia dei 30 nodi, ha chiesto di poter aumentare la velocità della nave di 92700 tonnellate superando gli 8 nodi.

A bloccare lo schianto poi contro la riva ci hanno pensato i tre rimorchiatori imposti dopo l’incidente della Msc Opera a San Basilio del 2 giugno dello stesso anno, appena un mese prima.

L’incidente

L’incidente è avvenuto tra le 18.30 e le 19.30 in una domenica, che fino alla comparsa alla burrasca di vento e pioggia che si è scatenata sulla laguna per alcuni minuti, era di bel tempo. La Capitaneria aveva dato alla Costa Deliziosa, una nave lunga 294 metri, un virgolettato ragionevolmente il via libera alla partenza. Poi ha fatto la differenza il sangue freddo del comandante.

Italia Nostra ha accolto con favore la perizia del tribunale sottolineando che la valutazione del consulente è la prova che le navi nel bacino sono un pericolo, perché in situazione estreme l’incidente è quasi matematico indipendentemente dall’errore umano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button