Articoli di Cronaca

Coronavirus in Veneto: aggiornamento 30 marzo

Secondo i virologi siamo già nel picco Luca Zaia invece è più prudente secondo lui arriverà il 15 aprile. Intanto la curva dei contagi si sta incrinando ma il bilancio è ancora pesante.

Coronavirus in Veneto: quasi 2 mila i letti occupati negli ospedali. Oltre 350 le vittime nella regione, 1500 i ricoveri, più di 20 mila persone in isolamento. Ci sono anche centinaia di guariti. Intanto, però, secondo gli esperti dell’Università di Padova abbiamo raggiunto il picco, in anticipo di cinque giorni rispetto alle proiezioni dei matematici. Secondo Luca Zaia il massimo si raggiungerà il 15 aprile, ma noi continuiamo con le buone notizie. GUARDA IL SERVIZIO:  Coronavirus, Luca Zaia: settimana decisiva. Bollettino 30 marzo

Coronavirus in Veneto

Questa è, anche, la settimana dell’arrivo di ingenti forniture. Domenica sono arrivate le prime 13 mila mascherine e nei prossimi giorni arriveranno 2 milioni di Ffp2 A (le mascherine filtranti monouso) a cui si si aggiungono qulle chirurgiche prodotte a Caorle, 10 mila al giorno.

Le mascherine

Idea Plast, Valigeria Roncato e Meca2 hanno annunciato che convertiranno i loro impianti produttivi per la produzione di mascherine di lunga durata, non monouso. Per quanto riguarda i tamponi, finora ne sono stati fatti 100 mila domani, martedì, arriveranno dalla Cina 700 mila test istantanei. A questi si aggiungono, per trovare gli infetti, le prove sierologiche con prelievo di sangue e modalità di laboratorio. Sul fronte della cura, dopo che l’agenzia del farmaco ha dato l’ok per la somministrazione di un’antimalarico, la regione si è organizzata e ora è pronta a fornire infermieri per la somministrazione a domicilio. GUARDA IL SERVIZIO: Coronavirus: 59 nuovi casi negli ultimi 3 giorni nell’Ulss4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button