Articoli di Salute e benessere

Coronavirus: Ulss4, giornata di incontri con il personale

Giornata di incontri informativi per le direzioni generale, sanitaria, dei servizi socio sanitari e del dipartimento di prevenzione. Incontri con personale ospedaliero, delle case di riposo, sindaci, medici di famiglia e pediatri di libera scelta

Da questa mattina i vertici aziendali dell’Ulss4 sono impegnati in una lunga giornata dedicata ad informare medici e strutture di assistenza territoriale relativamente alla questione coronavirus e relativa ordinanza per il contenimento dell’emergenza epidemiologica siglata ieri dal presidente della Regione Veneto Luca Zaia, e dal Ministro della Salute, Roberto Speranza. Coronavirus: misure precauzionali a San Donà di Piave

Gli incontri

La giornata è iniziata con l’incontro dei medici e dei coordinatori degli ospedali di Portogruaro e di San Donà di Piave, è  poi proseguita con un incontro dedicato ai gestori delle case di riposo del territorio; in serata seguirà un nuovo incontro con i sindaci del Veneto orientale ed infine, a seguire, con i Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera scelta operanti sempre nell’ambito di questa Azienda sanitaria.

Coronavirus

“Si tratta di incontri volti a portare a conoscenza i presenti sullo stato attuale dei contagi da coronavirus, contagi che nell’ambito di questa Azienda sanitaria, è bene ribadirlo, ad oggi non ce ne sono – spiega il direttore generale dell’Ulss 4, Carlo Bramezza – . Oltre a questo vengono ribadite le linee guida ministeriali per l’individuazione dei casi da monitorare, dei casi sospetti ed eventualmente  conclamati, e dei protocolli aziendali che dimostrano come in questa Ulss tutto il personale medico e sanitario, ciascuno per propria competenza, sia pronto a gestire l’eventuale contagiato, e a proteggere la popolazione e lo stesso personale ospedaliero da ulteriori contagi”.

Ai presenti è inoltre ribadito di acquisire informazioni solo mediante canali istituzionali, invitando altresì la popolazione a diffidare dei tanti messaggi diffusi sui canali social e sulle piattaforme di messaggistica online, diffusi appositamente per creare allarmismo tra la popolazione.

Numero verde

Sono ricordati infine in numeri di telefono attivati appositamente per rispondere alla popolazione: il numero nazionale 1500 e il numero verde della Regione Veneto 800462340.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button