Articoli di Economia e società

Coronavirus, prorogata la sospensione del pagamento dei parcheggi blu

L'assessore Boraso: "Garantiamo così la mobilità dei lavoratori impegnati nei servizi essenziali, cui va il ringraziamento di tutta la Città"

In ottemperanza alle misure emanate dal Governo per contrastare l’emergenza coronavirus e delle conseguenti ordinanze della Regione Veneto in materia di trasporto pubblico locale, l’amministrazione comunale di Venezia ha disposto la proroga fino al 18 aprile (compreso) della sospensione del pagamento delle tariffe di sosta per gli stalli con strisce blu di Mestre, Marghera e Lido.

Coronavirus

La tariffazione resterà invece invariata per gli stalli con strisce blu a Piazzale Roma, per consentire la mobilità per urgenze da e per Venezia. Sospesa anche l’attività di controllo da parte degli ausiliari alla sosta.

Sospensione dei pagamenti

La sospensione delle tariffe di sosta, introdotta dallo scorso lunedì 16 marzo, si affianca all’accordo raggiunto tra Comune di Venezia, Venezia Terminal Passeggeri spa e Autorità di Sistema Portuale per la messa a disposizione di 200 posti auto complessivi, anche in questo caso a carattere gratuito, del parcheggio VTP numero 5 a ridosso della Stazione Marittima, vicino alla fermata del People Mover.

Ad alcune istituzioni del territorio, tra i quali il personale medico sanitario (su segnalazione dell’Ulss), i vigili del fuoco e i farmacisti, sono stati messi a disposizione gratuita 200 posti al Garage Comunale.

Il Commento dell’assessore

“Una decisione che si è resa necessaria vista la situazione di incertezza e il verosimile perdurare dello stato d’emergenza – commenta l’assessore alla Mobilità, Renato Boraso – Abbiamo deciso di prorogare i termini di gratuità per garantire la mobilità dei lavoratori impegnati nei servizi essenziali ancora aperti, a cui va rivolto il mio ringraziamento personale e quello di tutta la Città. Rinnovo l’invito a stare a casa, con sacrificio, certo, ma anche dimostrando grande spirito di responsabilità e di comunità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close