Controlli della polizia ferroviaria a Ferragosto: il bilancio

Nel periodo dal 10 al 15 agosto, in occasione dell’intensificarsi del flusso di viaggiatori che, numerosi, utilizzano il mezzo ferroviario per raggiungere le località di vacanza, il Compartimento Polizia Ferroviaria per il Veneto ha potenziato i servizi di controllo e di prevenzione e contrasto alla criminalità, mettendo in campo 168 pattuglie impiegate nelle stazioni oltre che a bordo treno.

I controlli della Polizia Ferroviaria

L’attenzione è stata rivolta non solo al fenomeno dei reati predatori ma anche al costante monitoraggio del rispetto delle norme da mantenere in ambito ferroviario, allo scopo di garantire una maggior sicurezza e di contrastare le illecite attività di chi, approfittando della folla, si rende responsabile di fenomeni di microcriminalità.

I risultati

I servizi svolti che sono stati estesi anche alle zone adiacenti la stazione, hanno portato i seguenti risultati:

  • la denuncia in stato di libertà di due cittadini stranieri resisi responsabili di un duplice tentativo di rapina ai danni di due diciassettenni residenti nell’hinterland veneziano. I due stranieri, infatti, prima nei pressi del sottopasso della stazione di Mestre e, poche ore dopo, nei pressi della stazione di S. Donà, utilizzando una pistola giocattolo, hanno cercato, senza però riuscirci, di estorcere denaro a due ragazzi. Identificati dalla Polizia, i presunti responsabili sono stati denunciati alla Autorità Giudiziaria.
  • 5 le sanzioni amministrative elevate in materia di sicurezza ferroviaria per l’attraversamento dei binari da parte di altrettanti giovani,
  • 861 le persone controllate,
  • 4 i minori non accompagnati rintracciati e riconsegnati alle famiglie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here