Servizi Cronaca

Condannati a pagare 5 milioni due ex dell’agenzia dell’entrate

Lambisce anche il comune di Venezia nell'inchiesta per corruzione partita da Santa Maria di Sala per un terreno agricolo che avrebbe dovuto ospitare una casa di riposo. La Procura di Venezia sta indagando su una fornitura di mascherine alla società Veritas e intanto la Corte dei Conti condanna due ex dirigenti pubblici veneziani a risarcire lo stato con 5 milioni di euro

5 milioni euro, questa è la somma che un ex dirigente dell’agenzia delle entrate di Venezia ed un ex direttore provinciale della stessa agenzia dovranno risarcire allo Stato.

L’hanno deciso i giudici della Corte dei Conti di Venezia, dopo aver condannato nel 2018 i due funzionari con l’accusa di corruzione e rivelazione di segreti d’ufficio.

L’inchiesta delle Fiamme Gialle

L’inchiesta che ha portato alla condanna era partita da un’indagine del nucleo della Guardia di Finanza di Venezia, iniziata nel 2017. In cui era coinvolto un gruppo di imprese che versando tangenti aveva ottenuto una notevole diminuzione delle imposte dall’Agenzia dell’Entrate attraverso conciliazioni stragiudiziali. Ossia accordi che avevano evitato agli imprenditori di comparire davanti alle commissioni tributarie per il giudizio.

Le Fiamme Gialle hanno ricostruito un vorticoso giro di tangenti e favori illeciti.

La somma del risarcimento che dovranno pagare gli ex dell’agenzia delle entrate

La Corte dei Conti ha accolto la richiesta della Procura veneziana per chiedere ai due impiegati pubblici la la consegna di quasi 4 milioni  e 800 mila euro a titolo di risarcimento di danno patrimoniale diretto. Di altri 280 mila euro per il danno d’immagine e 83 mila per il danno da disservizio.

Ai due dirigenti ora rimane la possibilità di valutare il ricorso in appello.

Sotto indagine erano finiti:

  • 6 imprenditori;
  • 3 funzionari dell’agenzia;
  • 2 commercialisti;
  • 2 ufficiali della Guardia di Finanza;
  • un appartenente alla Commissione Tributaria regionale per il Veneto
  • 2 dirigenti di una compagnia assicuratrice veronese.

14 le ordinanze di custodia cautelare emesse e 2 gli arresti domiciliari.

Leggi anche: Distributori: scatta la serrata, ma non tutti chiudono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Disattiva AdBlock per sostenerci

Televenezia ogni giorno mette a disposizione informazioni e contenuti gratuiti. La libertà d'informazione deve essere sostenuta e Televenezia lo fa anche grazie ai banner pubblicitari. Sostienici e disattiva AdBlock