Radio Venezia Gossip

Claudio Santamaria: “Francesca troppo bella per me”

La conosce da quando aveva 16 anni e lei 12

Claudio Santamaria concede in una lunga intervista al Corriere della Sera. In questa intervista ha avuto modo di parlare di lui e della moglie. Confessa che conosceva sua moglie, Francesca Barra, sin da quando erano ragazzi. Commenta: “La vedevo troppo bella per me”.

“Francesca ha cambiato il mio modo di stare al mondo”

Continua Claudio Santamaria. “Ho incontrato la mia persona, Francesca, che è anche quella a cui ho confessato i miei drammi familiari. Con lei ho capito cosa significa prendersi cura dell’altro, cos’è l’anima che incontra l’anima e com’è condividere un’intimità vera. È cambiato il mio modo di stare al mondo e di lavorare. Questo cambiamento mi ha permesso di giocare a guardie e ladri su Amazon, di uscire di più come persona che come attore”.

I figli di Claudio Santamaria e Francesca Barra

Claudio a una figlia di 14 anni, Emma, nata dalla precedente relazione con Delfina Delettrez-Fendi. Era riuscitto ad arrivare ai 44 anni senza mai andare a nozze. Ora vive in una grande famiglia allargata perché Francesca Barra è mamma di tre bambini nati dal suo precedente matrimonio. “Io, da piccolo, vivevo in cinque in una stanza. Poi, uscito di casa, volevo provare tutti i giorni la bellezza di quando tutti sono via e tu sei finalmente solo. Ora, sono passato dalla solitudine estrema a una casa in cui può transitare anche un treno, ma senti solo gioia, amore e felicità. Ero molto chiuso e ora sono molto aperto”.

Presto arriverà anche la prima figlia della coppia, “voluta e cercata”. Claudio ha trovato la felicità vera con Francesca. I due hanno detto di sì prima a Las Vegas e poi in Italia.

“È stato bello decidere di comprare le fedi e un attimo dopo dirsi sì. Quando lei aveva 12 anni e io 16, in Basilicata, ballò con me il suo primo lento. Ogni tanto, la rivedevo a Roma e le dicevo: vediamoci, ma non avevo il coraggio di chiederle il numero. Io che non mi sono mai visto bello, la vedevo troppo bella per me. L’ho ritrovata poi dopo tanto tempo e ho aperto gli occhi su qualcosa di profondamente familiare e di sorprendente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button