Servizi Cultura e spettacolo

Chiara Donà: Soldati lettere e amori nella grande guerra

Chiara Donà presenta il suo libro “Spero di venire a casa al tempo del vino nuovo” in cui sono raccolte più di 700 lettere che raccontano la grande guerra

Chiara Donà presenta il suo libro, il cui titolo “Spero di venire a casa al tempo del vino nuovo”, è “una frase che Pietro Donà, il fratello di mio nonno, morto in guerra a guerra conclusa durante la prima guerra mondiale, era solito ripetere nell’auspicio di poter tornare a casa proprio in un momento di festa, il tempo del vino nuovo” racconta l’autrice.

Il libro è stato scritto al termine di una ricerca fatta dall’autrice che l’ha portata a raccogliere più di 700 lettere scritte da Pietro Donà dal fronte e dirette alla famiglia.

Tutte le lettere insieme vanno a ricoprire tutto l’arco della prima guerra mondiale: egli venne infatti arruolato nel giugno del 1915 e perse la vita il 30 novembre 1918 a guerra terminata. La posta era importante per un soldato, in quanto era l’unica cosa che gli teneva in contatto con la sua vita e con la gente che amava.

“Ho vissuto con mio nonno per dieci anni, ma lui non amava parlare della guerra e da li è partita la ricerca” conclude Chiara Donà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button