Servizi Economia e società

Caso banchi a rotelle: avviate le indagini

Scoppia il caso dei banchi a rotelle nel Veneto. Un video ha ripreso i banchi tutti accatastati nei magazzini

Nel veneto, i banchi a rotelle, sono stati accatastati nei magazzini. La notizia si è diffusa oggi con la riapertura delle scuole . Nel servizio abbiamo usato immagini di un video, girato da Marcello Pamio di Cadoneghe, che ha avuto quasi 30 mila visualizzazioni.

Il caso dei banchi a rotelle

Le sedute mobili a rotelle nel Veneto non sono state apprezzate al punto che sono finite nei magazzini e oggi gli studenti veneti sono tornati ai loro vecchi banchi di scuola. La conferma arriva da alcuni presidi che hanno chiesto ai comuni spazi per immagazzinare le nuove forniture. I 9 mila banchi inviate dal ministero non sono stati apprezzati perché studenti e insegnanti lamentano sedute scomode. Al punto da provocare dolori alla schiena e il piano d’appoggio troppo piccolo.

Le indagini della Guardia di Finanza

Il comune di Vo, apripista delle misure anti-covid, è diventato apripista anche nel rigettare quella che il commissario Domenico Arcuri e la ministra all’istruzione Lucia Azzolina hanno considerato una delle priorità per far ripartire la scuola e il paese ossia i banchi con le ruote. Quando i ragazzi fanno robotica hanno detto nel comune devono sedersi per terra, su quel banchetto non possono lavorare. Ogni banco è costato tra i 150 e i 300 euro. Ora la Corte dei Conti e la Guardia di Finanza hanno avviato un’indagine sull’acquisto di ben 430 mila banchi mobili a livello nazionale perché vogliono vederci chiaro.

Le parole di Elena Donazzan

In queste ore inoltre si è aggiunta anche l’assessore regionale all’istruzione Elena Donazzan che ha annunciato l’avvio di un’altra indagine per verificare se i banchi erano dotati di un certificato di idoneità alla salute fisica dei ragazzi. Dato che il ministero ha scavalcato in questa partita la regione contattando direttamente le scuole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button