ex Caserma Pepe e Bellemo

La ex Caserma Pepe e Bellemo, Palazzo dei Soldati, versa in un degrado preoccupante: cedimenti e materiali abbandonati, invadono questo bene storico artistico. Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo determina l’obbligo peri proprietari di garantirne la sicurezza e la conservazione.

Ex Caserma Pepe

La priorità del comitato, promotore del sistema ecomuseale per l’area metropolitana veneziana, è tutelarlo. “Con l’aggiudicazione della recente asta, assegnataci dal Demanio dello Stato, di concessione provvisoria dell’immobile, abbiamo preso una decisione molto difficile ed onerosa ma necessaria: rinunciare all’uso commerciale del bene”. Dichiara la Presidente del Direttivo Fispmed, Sylvie Menaschè.

Il comitato promotore

“Alcuni partner operativi del comitato promotore hanno scelto di mettere a disposizione risorse ed attrezzature per la messa in sicurezza urgente della struttura onde evitare ulteriore degrado. Ci siamo quindi attivati, secondo le opportunità offerte dalla normativa vigente, presso le autorità competenti Demanio, Comune di Venezia e Soprintendenza che, stanno dimostrando concretamente, un rinnovato spirito di collaborazione, per essere autorizzati a effettuare i primi lavori”.

“Dopo oltre un anno di diversa gestione, abbiamo potuto finalmente riprendere anche la campagna di raccolta fondi, una raccolta importante, non solo per gli aspetti economici ma, anche per coinvolgere la cittadinanza al recupero di un bene comune che vorremmo fosse utilizzato in futuro al servizio dello sviluppo culturale, sociale ed economico di un’area “periferica” del Lido di Venezia. La campagna prevede al momento, l’organizzazione di due cene di raccolta fondi, la prima si è svolta giovedì 3 ottobre, la seconda ci sarà il 24 ottobre”

Pulizia comunitaria

Il 12 e 13 ottobre dalle 10 alle 13 abbiamo indetto una “pulizia comunitaria” del bene, così da rafforzare il senso di un luogo della collettività veneziana e a chi ama la nostra città.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here