Servizi Cronaca

Case popolari a Giudecca: riparte cantiere del 1983

Nell'isola della Giudecca stentano a crederci sono ripresi i lavori per il completamento dei 19 alloggi popolari. Pensate che il cantiere è stato aperto nel 1983 e poi chiuso svariate volte, mentre a Venezia si riduce sempre più il numero die residenti

Riprendono i lavori del cantiere a Campo Marte, alla Giudecca per la ristrutturazione delle 19 case popolari. Un cantiere avviato per volere dell’ex IACP nel 1983, che è stato chiuso e riaperto più volte a causa dei problemi economici delle ditte che hanno assunto l’incarico.

La ripresa dei lavori delle case popolari

Si tratta di un bel segnale, anche se piccolo, di un’attività edilizia che riprende in una città cannibalizzata dai turisti e dove sembra riescano ad acquistare casa soltanto persone molto abbienti che non ci vivono tutto l’anno o ad affittare alloggi studenti universitari con buona capacità di spesa e dove chi ci vuole risedere stabilmente non trova casa.

Tempistiche e nuovi fondi

Il presidente dell’Ater di Venezia Fabio Nordio, ci tiene a segnalare questo intervento che si concluderà in 8 mesi in una zona di Venezia molto popolare, la cui desertificazione decreterebbe la fine della città. Nordio, ha aggiunto che sta cercando di reperire fondi per completare altri 25 alloggi progettati sempre alla Giudecca da Raffael Moneo, premiato con il Leone d’Oro quest’anno, con novità tecnologiche per consentire il risparmio di energia e combustibile destinati agli anziani.

Nuovi alloggi

L’Ater, ha concluso Nordio, ha 10 mila abitazioni e sempre meno fondi per ristrutturarli. Recuperare un alloggio nelle isole costa due volte il valore di un appartamento in terraferma e questo rende tutto più difficile.

Leggi anche: Distretto del commercio di Salzano: il logo lo disegnano i cittadini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button