Articoli di Salute e benessere

Cartella clinica della terapia intensiva: da dieci anni all’Ulss4

Dal 2010 la Cartella Clinica della Terapia Intensiva permette di controllare a distanza la cartella clinica dei pazienti. Collega inoltre simultaneamente i reparti di Rianimazione degli ospedali di San Donà e Portogruaro

Compie 10 anni il sistema informatizzato di cartella clinica della terapia intensiva dell’ULSS 4. Gestisce contemporaneamente 16 posti letto di rianimazione su due ospedali distanti circa 30 km.

Si tratta del primo sistema informatizzato nella regione che dal 2010 ad oggi collega simultaneamente i due reparti di Rianimazione dell’Ulss4. I reparti sono posti negli ospedali di San Donà di Piave e Portogruaro. Essa permette la consultazione della cartella clinica del paziente a distanza. Non necessitando di alcun supporto cartaceo, anticipa l’introduzione delle nuove tecnologie elettroniche di trasmissione dei dati in sanità.

La cartella clinica

“La cartella clinica informatizzata della terapia intensiva in questi anni  ha coinvolto più di 10.000 pazienti, permettendoci di ottimizzare il percorso di cura, facilitando il lavoro del personale medico e infermieristico del reparto, aumentando così la sicurezza dei pazienti.  Spiega il direttore dell’Anestesia e Rianimazione, Fabio Toffoletto.

Questo sistema di archivio e condivisione dei dati è inoltre caratterizzato da una particolarità importante in presenza di dati sensibili: è estremamente sicuro perché  si avvale di linee interne all’ospedale che non sono esposte alle problematiche riguardanti la sicurezza di internet”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
X