Articoli di Cultura e Spettacolo

Carnevale di Venezia su TikTok con Niko&Teo: un punto di vista inedito

Parte del progetto #ArtePerTutti di TikTok, l’attivazione racconterà gli eventi diffusi e l’eccellenza artigianale promuovendo le realtà locali.

Il Carnevale di Venezia 2022 sbarca su TikTok e lo fa con Niko e Teo (@nikoeteo), una coppia di giovani creator veneziani. Da domani, mercoledì 16 febbraio, racconteranno i festeggiamenti di “Remember the Future” attraverso contenuti video e dirette su TikTok.

Con l’obiettivo di avvicinare gli utenti e le diverse realtà italiane e al contempo promuovere le attività e peculiarità locali, la piattaforma infatti ha scelto di celebrare in-app uno dei momenti più significativi della tradizione del nostro Paese. Il Carnevale, partendo da uno dei più conosciuti in Italia e nel mondo, quello di Venezia. L’evento pubblico organizzato dal Comune in collaborazione con Vela SpA.

Con l’hashtag #Carnevale (che ha già totalizzato 90 milioni di visualizzazioni) gli utenti potranno creare o scoprire contenuti e unirsi alla conversazione. Ad accompagnare la community alla scoperta della tradizione veneziana ci saranno i due creator veneziani, Niko e Teo (@nikoeteo). Condividono con quasi 140.000 follower storie in app sulle curiosità di Venezia, sulla vita di coppia e contro gli stereotipi sociali.

I Creator Veneziani: Niko & Teo

Niko e Teo dialogheranno con i canali istituzionali del Carnevale: VeneziaUnica @veneziaunica e Venezia 1600  @venezia1600, raccontando così quello che avviene in modo diffuso tra i campi, le calli, le piazze e le vie di tutto il territorio comunale, come gli spettacoli del Wonder Time o la magia di Nebula Solaris che animerà l’Arsenale.

Non solo, Niko e Teo porteranno la community a vivere un’esperienza unica, collegandosi su TikTok LIVE il 16 febbraio alle ore 18.00 da Tragicomica (@tragicomicavenezia), tra i più famosi e antichi laboratori di maschere e costumi veneziano che aprirà le sue porte per raccontare il processo creativo dietro alla realizzazione delle maschere, unione di innovazione e tradizione.

Niko e Teo commentano, “Viviamo in un luogo unico al mondo e vogliamo trasmettere la magia di Venezia, che abbiamo la fortuna di vivere ogni giorno, a tutti coloro che ci guardano sul web siamo onorati e felici di collaborare con il Comune di Venezia, TikTok e le istituzioni che si prendono cura di Venezia per raccontare uno degli eventi più importanti della nostra città, quello del Carnevale.”

Il commento del Sindaco

Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro commenta, “Siamo molto contenti di questa collaborazione con TikTok e con Niko e Teo. Ci permette di creare un altro punto di contatto con i più giovani e non solo. Sarà una narrazione innovativa, rivolta a persone di tutte le età, che racconterà, con contenuti originali, la tradizione della nostra Città e i numerosi eventi diffusi di questo Carnevale di Venezia. Credo molto in questo nuovo tipo di linguaggio che dà la possibilità di informare e approfondire, divertendo. Come Comune di Venezia continuiamo ad affrontare la sfida dei nuovi strumenti di comunicazione, per essere più vicini ai cittadini, di qualunque età”.

#ArtePerTutti

Nata con l’obiettivo di ispirare creatività e portare allegria, TikTok è diventata la piattaforma d’intrattenimento in cui una community sempre più eterogenea si ritrova per condividere, ma soprattutto scoprire e promuovere l’espressione artistica e culturale in tutte le sue forme. Il racconto del #Carnevale, di Venezia si inserisce nell’attività #ArtePerTutti. Il trend promosso per supportare, far scoprire e raccontare la creatività italiana attraverso le storie e l’arte dei creator. Mostra la valorizzazione delle piccole e grandi realtà artigianali italiane, e la partecipazione della community.

TikTok continua il suo viaggio alla scoperta delle eccellenze italiane, iniziato lo scorso anno con il progetto #TiRaccontolItalia. Circa 40mila video condivisi dalla community per tutta la durata del progetto che hanno totalizzato oltre 2 miliardi di visualizzazioni. Conferma il suo ruolo non solo come parte del racconto della contemporaneità, ma soprattutto come promotore della cultura del territorio italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button