Articoli di Cultura e Spettacolo

Carnevale di Venezia 2020: gli eventi culturali del 18 febbraio

Tutti gli eventi cultura associati al carnevale di Venezia 2020 che iniziano il 18 febbraio in tutta la città metropolitana .

Grande attesa per il consueto appuntamento espositivo del Carnevale di Venezia 2020 all’Archivio di Stato. Con la mostra Amori di carta e carte d’amore. Vicende di vita amorosa attraverso i documenti antichi della Serenissima, che inaugura domani, martedì 18 febbraio, alle ore 10.00, si va ad aggiungere un nuovo tassello di storia veneziana  che ogni anno l’Archivio  di Stato propone attraverso l’analisi dei documenti ivi conservati. Dedicato ai temi dell’edizione 2020, un percorso documentario, allestito nell’antica Aula di Paleografia, che racconta vicende di vita amorosa svoltesi nel XVIII secolo. Un video, creato dai documenti processuali originali esposti in mostra, illustra due storie d’amore di segno diverso: la prima, a cui partecipa anche Gaspare Gozzi, narra di un amore violento; la seconda invece si muove tra la poesia e il contesto di un amore fedele. La mostra è aperta fino al 25 febbraio, dal lunedì a venerdì dalle 10.00 alle 13.00 e prevede visite guidate tutti i giorni alle ore 11.00.

Fondazione Querini Stampalia

La Fondazione Querini Stampalia propone un programma ‘fuori sede’, a Mestre, presso l’Antica Scuola dei Battuti alle ore 10.00. Con L’amore al tempo del Carnevale. Storie di amori  a Palazzo, offre una narrazione sul tema dell’amore attraverso quadri e oggetti d’arte delle Collezioni Querini Stampalia e Intesa Sanpaolo.

Musei Civici di Venezia

Continuano gli appuntamenti nelle sedi dei Musei Civici di Venezia. Alle ore 18.00 di domani a Casa Goldoni un incontro “ravvicinato” con le dodici Marie del Carnevale di Venezia 2020 per raccontare, attraverso le commedie di Goldoni, il tema del gioco, dell’ amore e della follia attraverso un visita guidata, che vedrà le ragazze protagoniste e interpreti di alcuni brani tratti dalle commedie dell’autore. A questo gioco interpretativo si affiancheranno le coreografie di Alexandra Foffano.

Teatro La Fenice

Al Teatro La Fenice alle ore 19.00 va  in scena il melodramma L’elisir d’amore, l’opera lirica di Gaetano Donizetti. Lo spettacolo è firmato dal regista Bepi Morassi con le scene e i costumi di Gianmaurizio Fercioni, mentre l’orchestra e il coro del Teatro La Fenice sono guidati da Jader Bignamini.

Centro Culturale Candiani

Debutta in prima nazionale al Centro Culturale Candiani di  Mestre alle ore 19.00 La donna del fuoco. Marietta Barovier, pioniera delle perle veneziane, spettacolo prodotto da Arte-Mide per la valorizzazione dell’Arte delle Perle del Vetro, bene candidato all’inserimento nella lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO. Marietta Barovier, donna di spicco del Rinascimento vetraio del XV secolo, è stata la prima donna imprenditrice a ottenere  dalla Serenissima l’autorizzazione ad aprire una fornace e a esserne la titolare. Lo spettacolo, attraverso la voce dell’attrice Chiarastella Serravalle accompagnata dalla composizione originale di Rachele Colombo, coinvolge lo spettatore in un viaggio appassionante alla scoperta del mondo variegato e misterioso dell’arte vetraria. Lo spettacolo verrà poi replicato nel Teatrino Groggia a Venezia (venerdì 21 febbraio), al Teatro Lino Toffolo di Murano (sabato 22 febbraio) e nel Teatro a l’Avogaria di Venezia (domenica 23 febbraio).

Le mostre

Proseguono le mostre: nello spazio Badoer della Scuola Grande San Giovanni Evangelista Il Gioco, l’Amore e la Follia nell’immaginario popolare. Dalle creature dantesche alla Commedia dell’Arte con le maschere del Maestro Giorgio De Marchi ed eventi teatrali quotidiani con la direzione artistica di Eleonora Fuser; Venezia, Carnevale, l’Amore. Immagini della Venezia in maschera nella Fabbrica del Vedere (Cannaregio 3857), a cura di Archivio Carlo Montanaro con la collaborazione dell’Università Popolare, Cinit e Fondazione Archivio Vittorio Cini; Amor che nullo amato amar perdona. Eco Artvism presso lo Spazio SV (Centro Espositivo San Vidal), in campo San Zaccaria, a cura dell’artista e performer Alexandra Mas, del fotografo Marco Tassini e del team de La Bottega dei Mascareri con il maestro Sergio Boldrin; Illusion: Nothing Seems as it seems , curata da Science Gallery, presso Ca’ Foscari Zattere – Cultural Flow Zone; infine, Diorami dal Vangelo. Gesù: la vita realizzata da Francesco Bonvissuto e curata da Gianmatteo Caputo nel Santuario di Lucia, in campo San Geremia.

Cosa c’è da sapere sul Carnevale di Venezia 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close