Articoli di Cultura e Spettacolo

Carlo e Giorgio: torna nei teatri “Così per gioco”

Torna nei teatri il duo veneziano Carlo e Giorgio, con una rivistazione di "Così per gioco", che questa volta coinvolgerà anche il pubblico. Le date

Così per gioco, il Gioco dell’Oca di Carlo & Giorgio, con tutti i loro personaggi più famosi torna nei teatri del Veneto in una nuova versione.

Per la stagione 2019-2020 lo storico spettacolo del duo comico veneziano coinvolgerà il pubblico: sul palco un grande tabellone numerato, dei dadi e… il gioco è fatto: Carlo & Giorgio sfidano il pubblico e innescano una gara senza sosta verso la casella della vittoria. Ad ogni riquadro del tabellone, così come nel vero gioco dell’oca, corrisponde un premio, una penalità e soprattutto uno sketch che vede protagonisti i personaggi più noti dei due comici.

La vera novità è che lo spettacolo sarà diverso ed imprevedibile ogni sera, perché saranno i dadi, e quindi la sorte, a determinare l’uscita di questo o quel personaggio e l’andamento del gioco.

Le prime date annunciate:

  • Chioggia – Teatro Don Bosco 18-19 ottobre ore 21.00 – 20 ottobre ore 17.30
  • Camponogara – Teatro Dario Fo 07-08 novembre ore 21.00
  • Padova – Piccolo Teatro 14-15 novembre ore 21.15
  • Jesolo – Teatro Vivaldi 20-21 novembre ore 21.00
  • Mestre – Teatro Toniolo 20-23 febbraio ore 21.00

Carlo e Giorgio, un successo che si rinnova

Comicità, improvvisazione, musica, ironia: gli elementi che da sempre caratterizzano lo stile di Carlo & Giorgio trovano in questo spettacolo un perfetto incastro nella struttura essenziale del gioco dell’oca. È questo il segreto della longevità di Così per gioco che, con l’inserimento di nuove gag o la riproposta dei classici più amati dal pubblico, viene riproposto con grande freschezza lasciando, oltre al sorriso, spazio alla riflessione, come i mille significati nascosti nella simbologia del gioco, dei suoi singoli elementi, delle mete che più o meno consapevolmente ci affanniamo ad inseguire per poi magari scoprire che erano solo “un’oca”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close