Servizi Cronaca

Caporalato e fitofarmaci non autorizzati: 7 arresti

Arrestato un bengalese indagato per caporalato. E' accusato di aver agito, ma è stato arrestato dai carabinieri perchè nel frattempo si era traferito a Venezia e stava lavorando alla Fincantieri

Si era trasferito Venezia e lavorava nel cantiere navale della Fincantieri. Era uno dei sette arrestati con l’accusa caporalato e sfruttamento di manodopera extracomunitaria in agricoltura a Latina secondo l’indagine dei Carabinieri. I sette facevano parte di un’organizzazione e per questo sono accusati anche di associazione a delinquere.

Caporalato

I militari accusano l’organizzazione di essersi servita di due caporali bengalesi di cui uno è appunto l’uomo arrestato a Venezia per reclutare concittadini, cittadini indiani e pakistani assoldando e violando i contratti collettivi ed evadendo contributi all’ INPS da marzo a novembre 2019 fino ad un importo di oltre mezzo milione di euro.

Lo sfruttamento dei lavoratori

I lavoratori con la pressante necessità di lavorare secondo l’accusa venivano costretti a sottoscrivere la ricevuta della busta paga senza l’indicazione delle ore di lavoro effettivamente prestate pena il mancato pagamento della retribuzione e gli stipendi che erano inferiori alle ore di lavoro.

Gli sfruttati non avevano nè l’abbigliamento nè delle scarpe adatte per camminare sui terreni. Durante i trasporti venivano ammassati nei furgoni in condizioni degradanti e minacciate di punizioni corporali ed economiche fino al licenziamento.

E’ stato infine arrestato anche un agronomo per l’uso di fitofarmaci non autorizzati impiegando personale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button