Impiegati come braccianti agricoli per 5 euro l’ora, in condizioni di lavoro disumane. Imprenditore marocchino di 29 anni è stato denunciato per caporalato

Accade in alcuni fondi agricoli a Venier di Cavarzere a Padova e Rovigo. lo sfruttamento dura un anno fino a quando una coppia dei cinque operai impiegati nelle attività agricole non si è ribellata. Con una denuncia ha posto fine all’inferno.

Nei giorni scorsi i militari hanno eseguito l’interdizione dall’attività dell imprenditore agricolo per 12 mesi e ora rischia per il reato di caporalato, per sfruttamento del lavoro e impiego di manodopera clandestina. Dai 5 ai 12 anni di carcere.

Sono stati immortalati i movimenti dell’uomo. Egli trasportava in prima persona i suoi “uomini” nei vari fondi agricoli.

Braccianti, di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Erano impiegati in particolare nella potatura delle vigne, per 10 ore al giorno. Il tutto senza riposo settimanale e possibilità di fruire di ferie. Non avevano un contratto di lavoro. Lavoravano con la promessa che l’avrebbero ottenuto. Tuttavia sono stati sfruttati e ingannati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here