Articoli di Economia e società

Ca’ Foscari lancia il corso di laurea in Ingegneria Fiscia

Primo corso di laurea in ingegneria offerto dall’ateneo: forti basi in fisica e matematica e capacità di tradurre la scienza di frontiera in applicazioni industriali

Quando la produzione industriale sarà supportata da computer quantistici, serviranno esperti in grado di gestire l’esplosione di innovazioni, dati, opportunità e anche nuove vulnerabilità. Serviranno gli ingegneri del futuro. L’Università Ca’ Foscari Venezia preparerà questi esperti grazie al un nuovo corso di laurea triennale in Ingegneria Fisica, che unisce a solide e aggiornate basi in fisica e matematica competenze approfondite in campi in rapida evoluzione come informatica e scienze dei materiali.

Il nuovo corso

Su questo impianto d’eccellenza, l’ateneo veneziano aggiunge un tocco di unicità grazie alla forte tradizione nelle lingue orientali e nell’economia: gli studenti di ingegneria potranno completare la propria preparazione integrando corsi di organizzazione, imprenditorialità, innovazione. Inoltre, su lingua e cultura della Cina, paese leader mondiale nel campo dell’informazione quantistica. L’accesso alla nuova laurea è programmato, 100 i posti a disposizione.

Si tratta del primo corso di laurea in ingegneria per Ca’ Foscari. Ingegneria Fisica, nonostante il successo di questi profili nell’industria, era finora presente solo al Politecnico di Torino e al Politecnico di Milano. E tra i primi italiani a laurearsi in Ingegneria Fisica è stato Stefano Bonetti, coordinatore del nuovo corso cafoscarino, professore di Fisica della materia e responsabile di un progetto sul magnetismo finanziato dallo European Research Council.

Università Ca’ Foscari

“I dati ci dicono che Ingegneria Fisica attrae studenti con grandi capacità e disposti ad affrontare un intenso sforzo intellettuale che li metterà in grado di affrontare la complessità in un contesto tecnologico in continua evoluzione – spiega Stefano Bonetti – I nostri laureati saranno degli ingegneri all’avanguardia, pronti a proseguire la formazione o inserirsi in un mercato del lavoro che richiede e richiederà sempre di più figure professionali con una robusta preparazione scientifica orientata alle applicazioni tecnologiche e al problem solving. Ricordo anche che una parte significativa di ingegneri fisici diventa fondatore di start-up tecnologiche: tra i casi più eclatanti ci sono i fondatori di Skype e Spotify”.

La fisica quantistica è tra i campi di studio più avanzati in cui si cimenteranno gli studenti. Inoltre, studieranno ingegneria delle telecomunicazioni, elettronica e informatica e potranno poi scegliere un orientamento specifico in Fisica, Biologia, Management e Organizzazione Aziendale, oppure Lingua e Cultura Cinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close