Articoli di Economia e società

Buoni spesa, al via le richieste a Musile di Piave: come ottenerli

Al Comune di Musile di Piave sono stati assegnati dal governo € 69.769,92. I destinatari i residenti che versino in condizioni di bisogno

Sul sito istituzionale del Comune di Musile di Piave è disponibile il modulo di domanda per l’ottenimento dei buoni spesa dedicati ai cittadini maggiormente in difficoltà in questo momento di emergenza sanitaria.

Buoni spesa

L’amministrazione guidata dal sindaco Silvia Susanna, in linea con Anci, ha deciso di procedere con un semplice modello di autocertificazione che consenta di accedere celermente alle misure del decreto fino a esaurimento delle spettanze o delle risorse comunque disponibili. Al Comune sono stati assegnati dal governo € 69.769,92.

I destinatari del contributo sono i soggetti residenti (italiani o comunitari o cittadini extracomunitari titolari di regolare permesso di soggiorno in corso di validità) che versino in condizioni di bisogno.

Le richieste

Sarà data priorità alle persone in condizioni economiche maggiormente disagiate e tra questi a coloro la cui situazione di disagio è direttamente conseguente all’epidemia da Covid 19 in corso (es. perdita del lavoro o riduzione dell’orario lavorativo, mancato rinnovo contrattuale o mancata assunzione per cessazione o riduzione dell’attività dell’impresa, ovvero sospensione del lavoro autonomo).

Verranno presi in considerazione i seguenti elementi di precedenza: presenza nel nucleo familiare di uno o più minori e presenza nel nucleo familiare di persone anziane o disabili. In linea di massima (e salvo casi particolari specificamente motivati), sono esclusi dai presenti benefici i soggetti il cui nucleo familiare disponga di beni mobili, depositi bancari/postali/assicurativi/contanti/ titoli di credito quali Bot e simili che alla data indicata nell’autocertificazione ammontino complessivamente ad importo superiore a 5mila euro.

Il commento del sindaco

«Saranno buoni da 5,10 e 20euro», spiega il sindaco Silvia Susanna, «che verranno distribuiti tramite i servizi sociali seguendo dei criteri di priorità, a cominciare dal reddito. Per snellire le procedure richiederemo un’autocertificazione che comprovi la reale necessità, soprattutto nei confronti di quella fascia della popolazione senza un lavoro e sprovvista della liquidità necessaria per l’acquisto dei beni di prima necessità. Il Comune pubblicherà sul sito istituzionale l’elenco degli esercenti aderenti in cui si potranno effettuare gli acquisti. In questo momento di emergenza -conclude- stiamo cercando di fare tutto quanto ci è possibile per la cittadinanza».

L’importo del contributo buoni spesa viene quantificato come segue:

  • € 70,00 settimanali per un nucleo composto da una sola persona;
  • € 120,00 settimanali per un nucleo composto da due persone;
  • € 150,00 settimanali per un nucleo composto da tre persone;
  • € 180,00 settimanali per un nucleo composto da quattro persone;
  • € 200,00 settimanali per un nucleo composto da cinque persone.

Come accedere

Per accedere alla concessione il richiedente dovrà compilare il modulo scaricabile dal sito internet istituzionale allegando la fotocopia documento d’identità in corso di validità e inviarlo mezzo mail all’indirizzo giorgia.baggio@comune.musile.ve.it a partire dalla data di pubblicazione del presente avviso.

In caso di impossibilità ad utilizzare i mezzi predetti, si può contattare telefonicamente l’Ufficio Servizi Sociali del Comune al numero 0421-592245 e 0421-592224.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close