Il buco di Mestre: avviata una raccolta di firme per chiedere l’occupazione dell’ex Umberto I. La giunta frena. Quello spazio è privato e decisivo per lo sviluppo della città.

Il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro però non molla, dopo aver mandato le forze dell’ordine a sgombrare il palazzetto di via Antonio da Mestre, ha twittato contro i ragazzi del loco.

Io penso – ha cinguettato – invece che sarebbe il colpo di grazia finale. Noi lavoriamo perché l’area sia acquistata dal fallimento da soggetti privati che la rilancino investendoci.

I ragazzi intanto hanno dato il via a una raccolta firme per chiedere di riaprire gli spazi della ex struttura sanitaria, ne hanno messe insieme circa 450 a dimostrazione che qualcuno prova simpatia per una mobilitazione che arriva dopo anni durante i quali per quell’area non si è mosso nessuno, al punto che anche l’edicolante, strenuo paladino del decoro e dell’area ha chiuso.

I ragazzi non demordono e finché regge il bel tempo intendono incontrarsi nel parchetto in via Antonio da Mestre a ridosso dell’edificio che aveva provato ad occupare. Una nuova assemblea è in programma giovedì.

Renato Boraso intanto invita i cittadini a non partecipare all’incontro: niente occupazione, l’area è privata è non ci possiamo permettere di perdere gli acquirenti. Su quell’area ha dichiarato ci giochiamo il futuro della città, dobbiamo attendere investimenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here