Home Video Gallery Impresa al Centro Brunero Zacchei, progetti e lavoro: verso un’impresa 4.0

Brunero Zacchei, progetti e lavoro: verso un’impresa 4.0

Intervista a Brunero Zacchei, segretario organizzativo UIL Veneto: la domanda di lavoro dovrebbe essere conseguenza di nuovi progetti e settori che si insediano.

Si torna a parlare di mercato del lavoro con Brunero Zacchei, segretario organizzativo UIL Veneto, partendo dall’ipotizzare le ripercussioni che il nuovo contratto del 28 febbraio potrà avere nella provincia di Venezia. Zacchei assicura che ci sono validi progetti in cantiere, che saranno un’occasione importante di rilancio. Questi progetti richiedono garanzie e specifiche sul lavoro: ma quale lavoro?

La prima cosa da fare è creare una discontinuità con certe impostazioni del mercato del lavoro, ormai vecchie e superate. La domanda di lavoro non può più essere definita in maniera astratta, ma dovrebbe essere conseguenza di progetti e di settori che si insediano. Dal quel momento in poi sarà possibile sapere di quale lavoro si tratta. Bisogna farsi trovare preparati.

Zacchei sottolinea anche il fatto che c’è bisogno di di due formazioni diverse e specifiche per le figure medio-basse di lavoro e per quelle ad alta specializzazione. Nel caso delle figure medio-basse di lavoro è indispensabile lavorare per la formazione rapida e specializzata. Invece per le figure di alta specializzazione deve essere fatto un patto importante con scuole e università. Dovrebbero essere usati più spesso strumenti di alta specializzazione per governare e sfruttare al meglio le cosiddette soluzioni impresa 4.0. Questi strumenti sono già stati largamente usati all’estero in nazioni come la Germania sin dal 2011, mentre in Italia se ne comincia a parlare solo ora.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here